Home / Torino e Provincia / Candiolo / CANDIOLO. Nuove speranze per le cure chemio-free per colon
l'ircc candiolo

CANDIOLO. Nuove speranze per le cure chemio-free per colon

Contro il tumore del colon-retto la prossima frontiera terapeutica passa dall’Italia e ha come obiettivo quello di evitare la chemioterapia.

Ha la firma dei ricercatori dell’Istituto di Candiolo Irccs e dell’Università di Torino uno studio (pubblicato su Clinical cancer research) che dà il via a nuovi studi clinici per testare nuovi farmaci basati sugli inibitori dell’enzima Parp (la proteina che ripara il Dna delle cellule tumorali) già approvati per i carcinomi dell’ovaio e per la prima volta studiati e utilizzati anche per il tumore del colon retto.

I ricercatori del Dipartimento di oncologia dell’Università di Torino che lavorano nell’Istituto di Candiolo, guidati da Sabrina Arena e da Federica Di Nicolantonio e Alberto Bardelli, hanno infatti osservato che gli inibitori di Parp bloccano la crescita anche di un sottogruppo di tumori del colon-retto. Inoltre, hanno scoperto che le cellule tumorali intestinali colpite dagli inibitori di Parp, pur avendo caratteristiche molecolari diverse, sono accomunate dalla sensibilità alla chemioterapia con oxaliplatino.

In base ai risultati raggiunti, questi farmaci potrebbero essere testati come terapia di mantenimento per quei pazienti colpiti da carcinoma al colon-retto che in precedenza hanno risposto bene e a lungo alla chemioterapia a base di oxaliplatino. “I Parp-inibitori potrebbero segnare la svolta nella terapia di molti tumori. Tra questi oggi potrebbe esserci anche il tumore del colon-retto”, dice Arena. “La squadra di biologi molecolari, medici, ingegneri matematici e bioinformatici che ha partecipato a questo studio è già tornata al lavoro per analizzare altri farmaci innovativi in grado di inibire le proteine coinvolte nella riparazione del danno al Dna e nel controllo del ciclo cellulare”, spiega Bardelli, secondo il quale “il prossimo passo sarà trasferire le osservazioni fatte in laboratorio in un trial clinico che metta a disposizione dei pazienti con cancro del colon-retto questi agenti antitumorali”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

FAVRIA. Pensionato si recide arteria lavorando in casa, è grave

FAVRIA. Pensionato si recide arteria lavorando in casa, è grave. Un uomo di 65 anni …

CHIVASSO. Floriana Ferrero e i cavalli: una passione che diventa essenza stessa della vita

Come nasce una passione? Una passione di quelle che diventano motivo di vita e essenza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *