Home / Torino e Provincia / Caluso / CALUSO. Tragedia di Caluso, ecco cosa c’è sotto a quei teloni…

CALUSO. Tragedia di Caluso, ecco cosa c’è sotto a quei teloni…

Da cittadino chivassese e ferroviere, vorrei solo esprimere un velato rammarico in merito alla interpellanza portata avanti dal M5S e da voi riportata, non voglio assolutamente entrare in polemica politica, in quanto una qualsiasi forza politica avesse fatto una simile richiesta avrebbe da me avuto la stessa risposta.

Vorrei solamente dire che, nei giorni in cui la magistratura non aveva ancora ordinato la copertura e il sequestro giudiziario delle tre vetture coinvolte nell’incidente di Caluso, sul posto vi erano intere famigliole che scattavano foto, con bimbi al seguito, comunque questo sta alla sensibilità personale.

Quello che mi preme dire e spiegare è ciò che realmente c’è sotto quei teloni. …

C’è l’ultimo respiro di un macchinista che a poco sarebbe andato in pensione, ci sono i lamenti di una collega capotreno, che giovane mamma sta lottando per tornare a una vita normale per lei e i suoi affetti, ci sono i lamenti di chi è rimasto ferito nel corpo e quelli muti di chi lo è rimasto psicologicamente, e non dimentiamoci, anche l’ultimo respiro di un addetto alla scorta del maledetto trasporto eccezionale che purtoppo si è trovato nel momento sbagliato al posto sbagliato, forse anche lui padre di famiglia.

Ecco ciò che c’è sotto quei teloni. …Nulla di altro. Forse sono stato un po’ troppo prolisso ma lo dovevo a tante persone. Cordiali saluti

Sandro Sacconi

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALUSO-VOLPIANO. Maxi truffa alle assicurazioni, tutte le condanne

Il Tribunale di Ivrea in sezione collegiale, presieduto dal giudice Elena Stoppini, ha letto pochi …

SCIOLZE. Non sono nipote ma lontana cugina. Tutto il denaro della Maestra Giacchino è andato alla Chiesa

Egregio Direttore, in riferimento agli articoli in data 14/05/19 dal titolo: La Sindaca uscente Gabriella …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *