Home / Turismo Grandi Eventi / Festa dell'uva / CALUSO. Una festa tutta da godere
Apertura Uva
Apertura Uva

CALUSO. Una festa tutta da godere

Dal 18 al 22 settembre Caluso ospiterà l’81a edizione della Festa dell’Uva

Mercoledì scorso è stata presentata ufficialmente l’ottantunesima edizione della Festa dell’Uva. Alla conferenza stampa tenutasi nella Sala Comunale, durante la quale sono intervenuti il sindaco Maria Rosa Cena, il presidente della Pro Loco Bruno Cambursano e gli assessori Gianni Tuninetti e Tiziana Oberto, sono stati presentati gli aspetti che faranno da linee guida per la kermesse interamente dedicata ai vini calusiesi. Come già ribadito nei mesi scorsi, la volontà congiunta di Pro Loco e Comune ha avuto un unico indirizzo volto ad apportare piccoli ma decisivi cambiamenti in quella che già da parecchi anni si rivela essere una formula vincente. Lo scheletro e le tradizioni della festa non verranno dunque intaccate, ma al contrario tutto ciò che ha sempre contraddistinto la festa verrà ulteriormente potenziato. Qualità e processo di rivalutazione, quindi, sono stati i due aspetti che hanno maggiormente impegnato gli organizzatori durante i mesi scorsi. E i risultati, stando alle parole di Cambursano, non tarderanno a farsi notare: “Il primo aspetto su cui ci siamo concentrati e su cui abbiamo ottenuto risultati di cui andiamo orgogliosi-ha affermato-è stato quello dell’attenzione nei confronti del vino e della sua distribuzione. Vogliamo fare in modo che la Festa dell’Uva sia davvero la festa del buon vino, del vino di qualità che è sempre stato un orgoglio per il nostro paese. Per questa ragione sarà vietata la vendita del prodotto da parte degli abusivi e sarà possibile acquistarlo solamente in punti scelti in grado di offrire vino di qualità e sotto controllo. Per questa ragione, ogni piola avrà un produttore vitivinicolo associato ed un realativo banner che illustrerà i pregi e le caratteristiche della merce che si sta acquistando. i nostri sforzi non si sono concentrati solo su queste questioni, ma abbiamo cercato di modificare anche altri aspetti capaci di migliorare tutto ciò che ruota attorno a questi giorni. Per esempio l’area mercatale sarà adibita a luogo in cui si potranno assaggiare una gran quantità di prodotti tipici, mentre le giostre saranno spostate vicino al liceo Martinetti. Sarà dato anche molto spazio alla storia, con la serata di giovedì 18 riservata alla proiezione di filmati risalenti alla prima edizione del 1934, e a concerti e spettacoli che avranno luogo tutti presso le Terrazze dell’Erbaluce, che poi culmineranno con lo spettacolo di un ospite di fama nazionale come Dario Ballantini”. “Organizzare tutto – ha concuso Cambursano – non è stato per niente facile e trovare i fondi necessari per l’intera organizzazione, circa trentamila euro, è stato ancora più complicato, ma dobbiamo ringraziare il Comune, che ci è sempre stato vicino nel lavorare su quello che è un evento che speriamo possa essere il più piacevole possibile e, perchè no, indimenticabile”.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Avatar

Leggi anche

Rubato il Carnevale! Ivrea risponde con un’iniziativa solidale e un itinerario di #resistenzaturistica

Turisti per Caso Slow Tour, la rivista di resistenza turistica realizzata da Syusy Blady e …

IVREA. Sulle note di Pifferi e tamburi, è partita l’edizione on-line del Carnevale

Un’Epifania senza la musica di pifferi e tamburi non la si sarebbe proprio potuta sopportare. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *