Home / Torino e Provincia / Caluso / CALUSO. Per cambiare le cose dobbiamo impegnarci: invito Sardino ad un incontro
Municipio Caluso
Municipio Caluso

CALUSO. Per cambiare le cose dobbiamo impegnarci: invito Sardino ad un incontro

A seguito dell’intervento firmato dal  sig. Sardino  e dal gruppo Direttivo del Canile di Caluso inviato al Direttore del giornale  “La Voce”, ritengo necessario e doveroso fare alcune precisazioni senza alcuno spunto polemico e men che meno con intenti diffamatori e/o denigratori  ma per semplice chiarezza e trasparenza di informazioni, sebbene io sia stato diffidato dallo scrivere ancora sul giornale dal signor Sardino e il direttivo della Lega Per La Difesa Del Cane di Caluso per il tramite di un avvocato.

Io tengo a precisare che al canile di Caluso ho sempre rispettato le regole e tutte le persone che nei miei 4 anni di volontariato ho incontrato, a differenza di qualcun altro che ha invece mancato di rispetto a me insultandomi in maniera pesante anche di fronte a terze persone – e ne ho le prove – senza che il direttivo prendesse nessuna posizione.

Contrariamente a quanto è stato affermato, in questi anni non ho mai messo in pericolo nè persone nè altri cani, tranne l’episodio verificatosi ai danni della sig.na Alessandra Pozzato, alla quale per il morso di Danko sono stati dati tre punti di sutura e a proposito del quale la stessa sig.na Pozzato ha chiarito personalmente la vicenda, fornendo la reale descrizione dei fatti.

Il signor Sardino tiene a sottolineare, contrariamente al vero, che io ero già stato espulso da un altro canile, qualora desiderasse avere chiarimenti in merito il Consigliere Marocco ha nella sua disponibilità diversa documentazione che sarà lieto di sottoporre alla sua attenzione, onde consentirgli di comprendere il reale stato dei fatti.

Il signor Sardino a settembre in uno scambio di mail mi scriveva – a dimostrazione dell’incoerenza delle sue ultime affermazioni – mail del 04.09.2015 (quindi dopo quasi quattro anni di volontariato al canile di Caluso): “fatto saldo il nostro sincero (e sottolineo sincero) apprezzamento per il lavoro svolto con i cani da te seguiti presso il nostro canile (ovvero Clay, Danko, Luna, Doby e forse altri che al momento non ricordo) è necessario chiarire alcuni punti delle tue mail che non ci trovano d’accordo o che perlomeno necessitano di alcune considerazioni da parte nostra ”  – certo in quel periodo non erano ancora state fatte le interrogazioni ai comuni con il m5stelle al quale appartengo – a mio modesto parere questo la dice lunga sul mio allontanamento dalla struttura.

Faccio mio qualche stralcio dell’editoriale di Marco Marocco sulla Voce del 03.05.2016: “La Lega Per La Difesa Del Cane  (il nazionale) ESISTE? 

In riguardo a tutte le cmunicazioni inviate a mezzo posta certificata spedite alla presidente Rosati….NESSUNA RISPOSTA. 

Una mancata spiegazione di come viene speso il pubblico denaro ed una lettera intimidatoria che diffida un libero cittadino che fa legittime domande, sono cose gravi. Il direttivo di Caluso ha vietato al cittadino Tamagnini di vedere dei cani che accudiva da più di quattro anni, quasi tutti i giorni, un danno peri i cani che va contro, a mio parere, alla legge che tutela il benessere degli animali. Non c’è niente da fare, ogni volta che chiediamo chiarezza succede un putiferio, e in questo caso, chi ha la peggio sono i nostri amici a quattro zampe. 

Il canile deve essere un luogo di transito per i cani e non un luogo dove ci devono rimanere degli anni. A questo punto dovrebbe essere chiaro a tutti che quando un cittadino chiede spiegazioni del perché i pit bull ospiti del canile sono li da anni lo fa nell’interesse di tutta la comunità.”

In conclusione si può dire che quanto accaduto in canile sia solo un esempio di cosa succede nella vita tutti i giorni, se fai delle domande diventi scomodo, purtroppo in Italia va cosi, c’è un menefreghismo diffuso in tutti gli ambienti regna il vecchio proverbio ” fatti gli affari tuoi e campi cento anni”, se in un canile delle volontarie ti dicono ” noi veniamo qua per i cani il resto non ci interessa, ci facciamo i fatti nostri”, si capisce anche perché quando si fa un corteo contro la discarica a Chivasso vi partecipano 300 persone, a fronte di 30000 abitanti.

L’ultima volta che ci fu il corteo provai a rendere partecipi delle persone che conosco, mi risposero che le ore 14 del sabato era un orario impossibile per svariati motivi… il pranzo, la spesa, ecc…. poi magari a distanza di qualche tempo incontri queste persone e ti raccontano che hanno un parente o un amico ammalato di tumore. Visto e considerato che viviamo nella terra dei veleni con record negativi( + 250% di tumori a Torrazza, incrementi anche a Montanaro + 205% e Brandizzo +110%) Torrazza e Montanaro sono sedi di discariche, per non parlare della frazione Pogliani adiacente la discarica li è un massacro.

I cittadini si devono svegliare prima, se a un corteo partecipassero 5000 persone forse il signor Sindaco si farebbe delle domande, il nostro consigliere Marocco lo ribadisce sempre ” che ognuno si impegni in prima persona se vuole che le cose cambino” ecco!!!! io spero che questa non sia solo la nostra battaglia per un paese migliore ma soprattutto più sano.

Il mio interessamento è costato un prezzo altissimo, non vedere più i cani che accudivo da quattro anni amandoli più di me stesso, ha scatenato in me un profondo senso di smarrimento che mi ha indotto a scrivere alcune lettere al giornale, che ha raccolto il mio sfogo, pertanto esorto, ancora una volta il signor Sardino, a fronte della disponibilità mostrata in chiusura della sua lettera pubblicata a venire nella sede della Voce per un incontro costruttivo dove noi attivisti del Movimento 5stelle possiamo rivolgergli delle domande, e a rendere pubblici i bilanci degli ultimi cinque anni.

Ritengo che ognuno di noi dovrebbe impegnarsi in prima persona per tentare di cambiare le cose, anche se c’è purtroppo un prezzo da pagare, se vogliamo davvero che le cose cambino, è tentare di dare voce a chi voce non ha, solo cosi possiamo farcela.

WalterTamagnini 

Movimento 5stelle Chivasso

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Avatar

Leggi anche

CASALBORGONE. Baggio: “Cavallero non ha detto tutto”

Riceviamo e pubblichiamo. Egregio Direttore,  nella replica, al mio comunicato pubblicato su questo giornale, il …

NUCLEARE. Osservazioni: c’è la proroga! Intanto monta la protesta del No

E’ stata una settimana intensa quella trascorsa sul fronte del deposito nazionale per le scorie …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *