Home / BLOG / CALUSO. Barriere anti terrorismo alla Festa dell’Uva
festa dell'uva
uva

CALUSO. Barriere anti terrorismo alla Festa dell’Uva

Sarà una Festa dell’Uva blindatissima.
L’84ª edizione dell’evento più atteso dell’anno – in programma da venerdì 15 a lunedì 18 settembre – verrà ricordata anche per il debutto del piano sicurezza. A realizzarlo, su mandato del sindaco Mariuccia Cena, è stato l’architetto Marco Tarquinio di Candia Canavese, un professionista esperto in piani sicurezza.

Gli accorgimenti saranno messi in pratica la sera di sabato 16 settembre quando in calendario è previsto il clou dell’evento con l’arrivo in città di almeno 15 mila persone.

Il piano prevede il rafforzamento dei controlli nel quadrilatero compreso tra via Montello e piazza Ubertini passando per via Bettoja.

In corso Torino, nei pressi dell’area mercatale, saranno posizionate alcune barriere anti sfondamento: un paio di new jersey in cemento per evitare un eventuale attacco terroristico con camion lanciati a tutta velocità sulla folla stile Nizza o Barcellona.

Una misura che tutte le città stanno adottando in modo permanente. A Torino, solo per fare un esempio, proprio in questi giorni è iniziata la posa di 50 fioriere in piazza Vittorio, che serviranno da blocchi antisfondamento in caso di attentato terroristico.

Sempre per garantire la sicurezza durante lo svolgimento della festa, verranno individuate anche alcune vie di fuga, tutte segnalate da apposita cartellonistica. Una misura che, in caso di allarme, garantirà un più agevole deflusso delle persone.

Anche quest’, inoltre, sarà attiva l’ordinanza, emanata per la prima volta nel 2014, che vieta la somministrazione di bevande alcoliche in lattine o nel vetro.

Il pacchetto sicurezza è già stato inviato in Questura e in Prefettura per l’approvazione. Un piano sicurezza necessario a fronte degli incidenti avvenuti lo scorso 3 giugno in piazza San Carlo a Torino durante la finale di Champions League e dei recenti attentati.

Ritengo sia giusto prendere i dovuti accorgimenti anche se questo comporta un costo per un comune piccolo come quello di Caluso – sostiene il primo cittadino Mariuccia Cena -. I maggiori accorgimenti, ovviamente riguardano il sabato sera quando è previsto il maggior afflusso di persone attese in città per degustare un bicchiere di Erbaluce o assaggiare le specialità preparate dalle varie piole lungo le vie e piazze del centro storico.

Oltre a questi accorgimenti è evidente che ci sarà un maggior spiegamento di carabinieri e agenti della polizia municipale. Purtroppo non si possono più organizzare manifestazioni senza aver un piano sicurezza”.

Commenti

Blogger: Andrea Bucci

Andrea Bucci
Minuto per minuto

Leggi anche

lanzo ponte del diavolo valli

GROSCAVALLO-LANZO. I merenderos all’assalto delle Valli. Cari turisti, così non va bene…

Con l’emergenza Coronavirus che volge al termine, i piemontesi stanno riscoprendo la Val Grande e …

Mathi Alfredo Pellizzari

MATHI. Si è spento Alfredo Pellizzari, presidente Avis per 28 anni

Ha lasciato un vuoto nella comunità di Mathi la scomparsa di Alfredo Pellizzari avvenuta all’età …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *