Home / Calcio Italia / CALCIO. Verso Milan-Juve, Gattuso recupera Higuain

CALCIO. Verso Milan-Juve, Gattuso recupera Higuain

Gennaro Gattuso recupera Gonzalo Higuain ma perde Mateo Musacchio. E’ agrodolce per il Milan il day-after del pareggio contro il Betis in Europa League.
L’attaccante non sente più dolore alla schiena e sarà regolarmente al centro dell’attacco domenica sera per affrontare la Juventus, sotto gli occhi del prossimo amministratore delegato rossonero, Ivan Gazidis, atteso per la prima volta a San Siro. Ma il difensore dovrà stare fermo due mesi per la “lesione del legamento crociato posteriore al ginocchio destro”.
Una vera emergenza per i rossoneri che devono già fare a meno di Biglia, Bonaventura, Caldara e Strinic.
Per Musacchio sembrava rientrato l’allarme dopo il colpo alla testa che lo aveva costretto alla sostituzione: gli accertamenti svolti hanno escluso conseguenze per il trauma cranico, ma evidenziato, in serata e a sorpresa, un infortunio al ginocchio.
Non sono perfette nemmeno le condizioni di Calhanoglu, Cutrone e Kessie, tutti con problemi fisici di varia natura: solo al termine della rifinitura prevista per domani pomeriggio Gattuso capirà chi potrà recuperare. ”Stiamo perdendo i pezzi – l’amaro sfogo di Gattuso, – ma non cerchiamo alibi e battaglieremo contro la Juventus, una delle più forti squadre d’Europa”.
Gli occhi di San Siro, che avrà oltre 70mila spettatori e registrerà il record d’incasso per una partita del Milan (quasi 5 milioni), saranno tutti rivolti su Higuain. Il Pipita, 55 centri in 105 presenze nelle due stagioni vissute a Torino, si è sentito scaricato dalla Juventus (”mi hanno cacciato”, ha dichiarato in una recente intervista) e ha il dente avvelenato.
Un sentimento di rivalsa recepito dai suoi nuovi compagni di squadra. ”Sogno di vincere con una sua rete”, il sintetico ma chiaro augurio di Zapata. D’altronde l’argentino è abituato a far male da ex: lo sanno bene a Napoli, trafitto con cinque gol in appena sei presenze dopo il burrascoso addio. Higuain ritroverà Cristiano Ronaldo, che ne ha preso il posto come totem del progetto della Juventus: assieme a lui ha giocato 100 partite con la maglia del Real Madrid e svolto una manciata di allenamenti alla Continassa la scorsa estate, ora lo sfida a distanza con la speranza di trasformarsi in cruccio e rimpianto dei bianconeri.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALCIO. La Nazionale Italiana compie 110 anni

Compie oggi 110 anni, ma non li dimostra. E’ la Nazionale italiana di calcio che, …

Cairo: "Andare oltre il 30 giugno rischia di essere un problema"

Calcio. Cairo: “Andare oltre il 30 giugno rischia di essere un problema”

“Giusto salvare coppe e campionati, però andare oltre il 30 giugno rischia di essere un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *