Home / Calcio Italia / CALCIO. Supercoppa: CR7, primo obiettivo raggiunto ora avanti

CALCIO. Supercoppa: CR7, primo obiettivo raggiunto ora avanti

Allegri si gode il primo trofeo della
stagione targata Cristiano Ronaldo, Gennaro Gattuso deve fare i conti
con il caso Higuain e una finale persa con qualche episodio a far
aumentare il rammarico dei rossoneri. E’ felice CR7, match winner e
alla prima vittoria di un titolo con la maglia della Juventus, un
successo che può fare da apripista ai restanti obiettivi, Champions
League in testa.
“È stata una partita difficile, soprattutto per via del caldo – le
parole del portoghese a fine partita ai microfoni di Rai Sport – Però
abbiamo giocato bene, abbiamo creato molte occasioni. Sono molto
contento per aver segnato il gol decisivo.
E’ il mio primo titolo con la Juve, volevamo iniziare al meglio il
2019. Gli obiettivi? Dobbiamo proseguire passo dopo passo.
Ora dobbiamo lavorare tranquillamente. Il campionato è il principale
obiettivo della Juve, ma è ancora lungo. Dobbiamo continuare su
questa strada”.
“È stata una partita divertente con diverse occasioni – il commento
di Allegri – I ragazzi hanno affrontato la sfida nel migliore dei
modi. È stato un buon Milan, che ci ha messo in difficoltà. Noi in
undici potevamo fare meglio per chiuderla.
Cristiano Ronaldo è stato ancora una volta decisivo? Diciamo sempre
le stesse cose – sottolinea -. Lo abbiamo preso per quello, è il
miglior giocatore e fa gol. Si era mosso bene anche in situazioni
precedenti alla sua rete, ma tutta la squadra ha fatto una buona
partita”.
Gattuso non riesce a nascondere la sua amarezza tra la gestione
dell’affaire Higuain (“ieri aveva la febbre. Sembra una barzelletta
ma è vero. Oggi quando è venuto il principe a salutarci non ho voluto
io che ci fosse perché magari infettava gli altri col virus. Se è
stata l’ultima partita con noi? Non lo so ho altri 25 giocatori,
domani vedremo”) e la delusione per la sconfitta. “Devo fare i
complimenti ai miei ragazzi, abbiamo provato a scalare una montagna e
dopo gli episodi li giudicate voi – le parole di Gattuso a Rai Sport
– L’espulsione di Kessié ci sta, però se abbiamo la tecnologia
usiamola. Alla Juventus hanno fatto finire due azioni, a noi subito
con Cutrone hanno alzato la bandierina. Loro sono uno squadrone e
queste cose non le capisco. Abbiamo dato tutto, anche qualcosa in
più, ora andiamo avanti. Abbiamo pregi e difetti ma abbiamo messo in
campo carattere. Questa sera c’è il rammarico e c’è amarezza”.
Le ultime recriminazioni sono sul fatto che “alla Juventus hanno
fatto chiudere l’azione e a noi l’hanno fermata. Questo mi fa rabbia.
Poi si parla con educazione, con le mani in tasca, si chiedono
spiegazioni ma non vengono date. Questo mi dà fastidio ma bisogna
accettarlo. Abbiamo perso perché hanno trovato una giocata di un
grandissimo campione: ci brucia”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALCIO. L’Empoli travolge il Torino, per salvezza ora è bagarre

L’Empoli continua a vincere e a stupire. Terzo successo consecutivo della squadra di Andreazzoli che …

CALCIO. Serie A: Milan da Champions, Fiorentina incubo B

Il Milan stende il Frosinone dopo un primo tempo di sofferenza e continua a sognare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *