Home / Sport / Calcio / CALCIO. Settimo, il ripensamento di Campanaro
Giovanni Campanaro

CALCIO. Settimo, il ripensamento di Campanaro

Sembrava tutto fatto, con tanto di ufficializzazione da parte della società concordata con il giocatore, ma prima di mettere nero su bianco è arrivato il grande ripensamento da parte del diretto interessato che ha spiazzato non poco la dirigenza. Protagonisti della vicenda il Settimo e Giovanni Campanaro, dato ormai come nuovo rinforzo per il centrocampo delle violette. Il grande colpo del mercato messo a segno dal direttore sportivo Vito Bellantuono, è invece sfumato sul più bello di fronte alle perplessità del ragazzo che evidentemente ha ricevuto delle offerte da una categoria superiore. A dispetto della giovane età, Campanaro sembrava davvero l’uomo giusto per guidare la zona nevralgica del Settimo; nonostante sia un classe 1992, infatti, può già vantare nel suo curriculum esperienze importanti in Serie D (con le maglie di Chieri e Asti) ma soprattutto in Lega Pro, tra le fila di Milazzo e Bra. Nato a Torino, Campanaro nella stagione appena conclusa ha militato nell’Eccellenza ligure con l’Unione Sanremo con la quale, oltre ad aver disputato un buon campionato, ha conquistato la Coppa Italia nazionale di categoria.

Il mediano sembrava avesse deciso di proseguire la carriera a pochi passi da casa sposando un progetto interessante come quello del Settimo. Lunedì mattina si sarebbe dovuto recare in sede per le firme di rito, invece domenica qualcosa è cambiato e il mediano ha manifestato i dubbi alla dirigenza viola. “Ci ha chiesto del tempo per pensarci ancora”, l’amaro commento di Bellantuono, mentre mister Viola è più diretto: “Da ex giocatore lo capisco: è chiaro che ambisca a giocare in categorie superiori e credo che al suo posto probabilmente avrei fatto lo stesso”. Entrambi ribadiscono che Campanaro fosse convinto ed entusiasta di sposare il progetto tecnico delle violette, ma evidentemente deve essergli arrivata qualche chiamata da società pronte a garantirgli qualcosa in più (non soltanto a livello economico). “Era un giocatore importante ma non ci strappiamo di certo i capelli”, taglia corto Viola che poi elogia il mercato: “Stiamo facendo delle operazioni intelligenti, finora abbiamo preso giocatori che hanno voglia di mettersi in mostra”. Oltre alle conferme di Chiumente, Zanellato, Fassari e Padoan, che hanno rappresentato la base da cui ripartire, l’organico della prossima stagione è stato via via arricchito dagli acquisti di Dinaro in porta, Benna e Infantino in difesa, Gerini a centrocampo e Sansone in attacco. Senza dimenticare gli innesti dei giovani della Juniores sui quali la società punta molto. Il raduno estivo del Settimo comincerà lunedì 8 agosto e sono già state fissate le prime amichevoli: il 13 con il Chisola, il 18 con l’Alpignano e il 21 un triangolare con Vanchiglia e Lucento.

Commenti

Blogger: Gabriele Rossetti

Avatar

Leggi anche

SETTIMO. Se ne è andato Osvaldo Bailetti, icona piemontese dei Go-kart

Oggi si è spento Osvaldo Bailetti, stava facendo quello che più amava, guidava il suo …

Cuorgnè, Venaria e Lanzo diventano ospedali dedicati solo al Covid

Il Piemonte converte 16 ospedali alla cura del Covid per far fronte alla crescente richiesta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *