Home / Calcio Italia / CALCIO. Radar sonoro e riconoscimento facciale, è caccia a razzisti
GABRIELE GRAVINA PRESIDENTE FEDERCALCIO

CALCIO. Radar sonoro e riconoscimento facciale, è caccia a razzisti

Radar sonoro e riconoscimento facciale. La nuova frontiera della lotta al razzismo negli stadi esiste già, ma è pienamente applicata all’estero: in Italia, e’ una proposta lanciata dalla Federcalcio, nella persona del suo presidente Gabriele Gravina. E torna d’attualità oggi, con il nuovo caso di ululati a Mario Balotelli e la discussione: quanti tifosi li hanno fatti? E soprattutto, chi? Il consiglio della Federcalcio è in programma domani, inevitabile che se ne parli a margine; nell’ordine del giorno stilato prima dei fatti di Verona non c’è l’argomento razzismo perche’ la sua linea Gravina l’aveva fatta approvare prima snellendo la procedura di stop alle partite a inizio anno, e poi con una riforma varata il 1° ottobre: non più la responsabilità oggettiva dei club, ma club responsabilizzati. In sostanza, per togliere agli ultrà l’arma del ricatto – cori razzisti e multe se le società non cedono alle loro richieste, come nel caso dell’inchiesta sulla curva Juve -, le società hanno ‘esimenti e attenuanti’ se si attrezzano per una fattiva azione di prevenzione e controllo per individuare i singoli responsabili dei cori, due o cento che siano, e bandirli dagli stadi. Per questo, Gravina ha espressamente parlato del radar sonoro, per il quale però resta al momento l’ostacolo della violazione della privacy, da abbinare al riconoscimento facciale già attivo in alcuni stadi (l’Olimpico) e a disposizione del Gos per i problemi di ordine pubblico. L’Udinese lo ha testato per una gestione diretta, come avviene in Inghilterra dove gli stadi sono di proprietà e chi ha atteggiamenti razzisti viene individuato e ‘radiato’ dal proprio club nel giro di 24 ore. Per questo la Figc sta lavorando anche a un tavolo a tre, con Viminale e club: l’obiettivo è consentire ai club di far uso delle telecamere ai tornelli e di quelle puntate sugli spalti anche per i comportamenti non di rilievo penale, ma disciplinare. Il passo successivo è appunto il radar delle voci: uno strumento in mano all’antiterrorismo, in grado di captare le conversazioni a distanza e quindi in primo luogo di stabilire se e quanti cori razzisti vi siano, superando così l’ostacolo della percezione da parte degli ispettori federali. L’idea Figc era testare lo strumento a Italia-Grecia, lo stop è stato determinato dai vincoli alla privacy. Si riproverà per Italia-Armenia del 18 novembre a Palermo, superando l’ostacolo Antitrust: ma che sia primo o poi, la Figc intende fare da apripista per i club.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALCIO. Sarri lancia l’allarme: “La Champions consuma”

Passi falsi, dopo il pareggio col Sassuolo e la sconfitta con la Lazio che hanno …

CALCIO. Torino col Verona cerca conferme, Belotti recuperato

Il Torino recupera capitan Belotti per la difficile trasferta sul campo del Verona. “Sta bene, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *