Home / Calcio Italia / CALCIO. Magia Kane e prima uscita della Juventus di Sarri è un ko
Harry Kane
Harry Kane

CALCIO. Magia Kane e prima uscita della Juventus di Sarri è un ko

Una magia da centrocampo di Harry Kane in pieno recupero ha reso amaro l’esordio di Maurizio Sarri sulla panchina della Juventus. É iniziato con una sconfitta per 3-2 con il Tottenham, finalista in Champions League, l’avventura dell’allenatore toscano, chiamato per rivitalizzare il gioco dei campioni d’Italia dopo otto anni di dominio in Italia e di delusioni in Europa. Se il risultato non è stato certamente quello sperato, la partita del National Stadium di Singapore è stata divertente, ricca di rovesciamenti di fronte e con un tabellino marcatori di lusso: dopo il gol di Lamela, che ha ribattuto in rete una respinta non perfetta di Buffon, i bianconeri erano riusciti a ribaltare nel secondo tempo con Higuain e Ronaldo, prima del nuovo ribaltone con Moura e Kane. “Nel secondo tempo – è stato il commento finale di Sarri – abbiamo giocato meglio, con 20 minuti di buona volontà . Siamo stati ingenui nelle tre palle perse, ma su questo influisce una condizione fisica non ancora al top”. Eventi che verranno presto messi nel dimenticatoio, lasciando spazio ad altre considerazioni: come il debutto di De Ligt, entrato in campo nel secondo tempo al posto di Bonucci, o il gol di Gonzalo Higuain, che dopo aver visto il primo tempo in panchina nel secondo ha realizzato il primo gol stagionale della Juventus. Una rete evocativa, arrivata dopo una bella serie di passaggi dal retrogusto di “sarrismo”: gol che ha fatto salire le quotazioni del “Pipita”, che prima del match ha parlato a lungo con Paratici del proprio futuro. “Il gol di stasera – ha aggiunto Sarri – lascia il tempo che trova. Quel che conta è l’atteggiamento. Gonzalo si è allenato bene, anche se è vero che ha giocato fino a fine maggio”. Sarri si è affidato alla vecchia guardia, con il solo Buffon in campo tra i “nuovi” arrivi, se così si può definire il portiere ed ex capitano, mentre nella ripresa c’è stato spazio per i nuovi arrivi, da Rabiot a De Ligt e Demiral, rinfrancato dalla soluzione per la questione visto: “Rabiot ha fatto un buon ingresso, è stato dinamico, mentre Demiral e De Ligt non si conoscevano neanche. Hanno già fatto tanto a tenere il campo insieme”. In gran forma Cristiano Ronaldo, che dopo aver giocato la solita partita di grande sostanza, segnando il gol del vantaggio della Juventus, si è intrattenuto insieme a Bonucci con il giovane invasore di campo: “Ho visto il ragazzino in mezzo al campo, avevo capito che voleva farsi la foto con Cristiano, allora l’ho portato a farsi le foto. Non è invasione, è gioia”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALCIO. Juve, De Sciglio: “E’ ora di tornare a vincere”

Per ritrovare tre partite consecutive senza vittorie della Juventus in serie A basta riandare al …

CALCIO. Champions: Juve; Sarri, voglio una risposta seria

Con il primo posto nel girone di Champions già in tasca Maurizio Sarri vuole una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *