Home / Calcio Italia / CALCIO. L’Italia Under 20 vince e sogna di fare la storia

CALCIO. L’Italia Under 20 vince e sogna di fare la storia

La giovane Italia vince, convince, diverte e sogna di ritagliarsi un posto nella storia. Martedì 11 giugno, con inizio alle 17,30, gli azzurrini andranno all’assalto della finale dei Mondiali della categoria Under 20, affrontando l’Ucraina, che ieri ha battuto di misura la Colombia con un gol di Sikan. L’Italia fresca e vincente allenata da Paolo Nicolato mette in vetrina i propri ‘gioielli’ Pinamonti e Plizzari, che ieri ha parato l’ennesimo rigore. Il portierino classe 2000 può diventare un punto fermo nel club di appartenenza, il Milan, anche alla luce della possibile cessione di Donnarumma al Paris Saint-Germain, come si vocifera da più parti. L’altro uomo-copertina è Andrea Pinamonti, classe 1999, attaccante di proprietà dell’Inter ma, nell’ultima stagione, in forza al Frosinone. La sua doppietta ieri al Mali ha spianato all’Italia la strada verso la semifinale. E, mentre Plizzari è blindato a Milanello, su Pinamonti ha già messo gli occhi la Roma per sostituire Dzeko, nell’eventualità che il bosniaco – come sembra – si trasferisca nell’Inter. “Questa squadra non smette mai di stupire, stiamo vivendo un sogno molto intenso – le parole del selezionatore Nicolato -. Guardiamo avanti, ma lo facciamo con serenità; la partita di ieri è stata durissima, abbiamo affrontato un avversario molto forte e mai domo, ma questi ragazzi sanno superare le difficoltà sempre e comunque”. Gli azzurrini hanno dunque fatto ritorno nel poker delle migliori Under 20 del mondo, due anni dopo lo storico Mondiale disputato in Corea. E martedì prossimo sono attesi dalla storia.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALCIO. Sarri (Juve): “Bene il carattere”

Tre punti e una prova di carattere contro una squadra in salute. Il bilancio di …

CALCIO. La Juve vince in rimonta, ma che fatica col Verona

a Juventus soffre fino all’ultimo minuto ma batte 2-1 il Verona, regalando a Maurizio Sarri …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *