Home / Calcio Italia / CALCIO. L’Inter mette la freccia e sorpassa la Juve, Lautaro Martinez show

CALCIO. L’Inter mette la freccia e sorpassa la Juve, Lautaro Martinez show

Un toro scatenato, come De Niro-La Motta nel capolavoro di Scorsese. C’è tutto Lautaro Martinez nel sorpasso dell’Inter alla Juventus in vetta alla classifica. L’argentino classe 1997 incorna la Spal a San Siro con una doppietta (terza stagionale), destro e colpo di testa che sono due marchi di fabbrica del bomber di Bahia Blanca. “Siamo in testa, è importante. Lavoriamo per dimostrare che siamo all’altezza di questa Inter”, ha detto a Inter Tv.  Tredici gol in stagione di cui otto in campionato, cinque reti nelle ultime tre partite e un momento di forma eccezionale, che va oltre i numeri. Come dimostrato nella ripresa, quando due volte spreca la palla per la tripletta ma continua a combattere, riuscendo ad evitare un giallo pesante (è diffidato) verso la sfida con la Roma. “Qualità e quantità” è la definizione migliore per l’attaccante che si ispira a Radamel Falcao.  Arrivato a Milano nel 2018 per 25 milioni dal Racing Avellaneda, su consiglio di Milito (ds degli argentini) e su spinta di Zanetti, l’ambientamento non è stato facile per le scelte di Spalletti, restio a farlo giocare con Icardi. I problemi dell’ex capitano gli hanno regalato più minuti, chiudendo la prima stagione nerazzurra con 9 gol e conquistando la maglia da titolare in nazionale.  La scintilla per farlo esplodere è stato l’arrivo di Antonio Conte, che gli ha fatto fare il salto di qualità. Lo dicono i numeri di questo avvio di stagione, in cui ha segnato contro big come Juve e Barcellona, trascinando l’Inter. La specialità è la partenza a razzo: 10 gol su 13 sono arrivati nella prima mezzora. “Non so perché, arriva la palla giusta e faccio gol”, ha spiegato.  Reti festeggiate con le corna del toro, soprannome che lo accompagna dai tempi di Buenos Aires, e poi con una “A” per la fidanzata Agustina. La coppia con Lukaku funziona, per la prima volta dal 2001/02 l’Inter ha due giocatori con 8 gol dopo 14 giornate (erano Kallon e Vieri). Aspettando il rinnovo, magari togliendo la clausola da 110 milioni che ha già attratto il Barcellona, Lautaro vuole continuare a far sognare l’Inter e Conte.

“L’Inter sta lavorando per cercare di dare fastidio, penso che stiamo svolgendo un gran lavoro. Siamo orgogliosi di essere tornati in testa alla classifica. Tuttavia, dobbiamo fare di più e gestire meglio certe partite”. Così Antonio Conte, parlando a Sky Sport, dopo la vittoria sulla Spal che ha riportato l’Inter in testa alla classifica. “Il mercato? Non mi sembra giusto parlarne, perché mancherei di rispetto ai ‘miei’ giocatori – aggiunge -. Di mercato parlerà la società. Vidal? L’ho allenato quando ancora non era Vidal, è un giocatore che mi ha sempre dato tutto. Lautaro sta crescendo tanto e adesso gioca anche per la squadra. Se mi sento più forte della Juve? Rispondo un’altra volta”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALCIO. Sarri lancia l’allarme: “La Champions consuma”

Passi falsi, dopo il pareggio col Sassuolo e la sconfitta con la Lazio che hanno …

CALCIO. Torino col Verona cerca conferme, Belotti recuperato

Il Torino recupera capitan Belotti per la difficile trasferta sul campo del Verona. “Sta bene, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *