Home / Calcio Italia / CALCIO. Lega B: discussione accesa, ma niente sfiducia a Balata
Il presidente della Lega di serie B Mauro Balata

CALCIO. Lega B: discussione accesa, ma niente sfiducia a Balata

Una discussione forte, accesa, ma nessuna sfiducia a Mauro Balata. Fallisce il ribaltone che alcuni club – vicini alla Salernitana di Claudio Lotito – avrebbero voluto infliggere al numero uno della Lega B, anche perché non sarebbero stati raggiunti i numeri necessari (i due terzi dell’assemblea) per la sfiducia. Resta un po’ di tensione, serve tempo per una riflessione politica rispetto al Consiglio e per questo l’assemblea rimane aperta, ma a meno di clamorosi colpi di scena, il presidente resterà Balata. “C’è stata una discussione serena ma molto profonda – racconta Balata al termine dell’assemblea – ci rivedremo il primo agosto. Serve una riflessione politica sulla nomina di almeno tre consiglieri. Vogliamo dare stabilità e credibilità ma politicamente siamo cambiati del 40%, tre consiglieri non ci sono più e sono emersi altri problemi. Dobbiamo analizzare tutto con serenità, senza guerre uno contro l’altro”. Tre i consiglieri che hanno dato l’addio: Francesca Pellegrini, il presidente del Benevento Oreste Vigorito e Stefano Bonacini del Carpi. Alcuni club sarebbero propensi all’azzeramento del Consiglio direttivo, altri preferirebbero limitarsi ad integrare i consiglieri uscenti. L’assemblea si è poi compattata nel discutere alcuni punti all’ordine del giorno tra cui le quattro date dei turni infrasettimanali il 4 settembre, 29 ottobre, 3 marzo e 21 aprile. Mentre non è stata approvata la proposta di modifica dei playoff che prevedeva, in virtù della diminuzione del numero delle squadre partecipanti, di ridurre a 10 punti il distacco tra terza e quarta in classifica per la non disputa dei playoff, distacco che resta invece a 14 punti. L’assemblea resta poi aperta per perseguire un obiettivo primario per le società di Lega B. “Pacta sunt servanda, i patti devono essere onorati. La Serie A – spiega Balata – deve rispettare gli accordi di separazione del 2009. Ad oggi Lega B percepisce il 6% delle risorse di sistema. L’accordo prevedeva il 7.5%. E’ qualcosa di iniquo, non corretto e ingiusto. Mi hanno dato pieno mandato e ho chiesto alla Federazione di farsi parte diligente”. Una cifra che si aggira intorno ai 17 milioni di euro all’anno.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALCIO. Juve a test Atalanta, CR7 voglia di riscatto

Anche se non in perfette condizioni fisiche, sarà una Juventus quasi al gran completo quella …

CALCIO GIOVANILE. La Scuola Calcio del San Gallo schiera sul terreno di gioco le sue squadre

Fine settimana ricco di impegni, quello scorso, per le formazioni della Scuola Calcio del San …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *