Home / Calcio Italia / CALCIO. Juve, continua il tormentone Allegri
Max Allegri

CALCIO. Juve, continua il tormentone Allegri

Qualche parola diversa, smentite o conferme potrà darle solo lui, Massimiliano Allegri, nella conferenza stampa alla vigilia di Juventus-Roma, domani alle 12 all’Allianz Stadium. L’attesa, in questo tormentone rituale ma quest’anno più incerto di altre volte nell’esito, è altissima.
Resta molto improbabile, però, che sia già arrivato il giorno dell’annuncio di un matrimonio, tra il tecnico livornese e il club bianconero, prolungato oltre il sesto anno del contratto (che scade nel 2020), o di un addio. E’ più facile che il tecnico livornese abbia preparato un’altra volta una tattica difensiva, nella dialettica, in attesa del sospirato incontro con il presidente Andrea Agnelli. Poco filtra da una parte e dall’altra.
C’è un campionato da onorare, con la Juve un po’ arbitra della lotta Champions – domenica in casa della Roma, una settimana dopo a Torino contro l’Atalanta – e la soluzione dell’enigma sul futuro di Allegri, dopo 5 scudetti e 11 trofei complessivi con la Vecchia Signora, potrebbe essere rimandata al 20 maggio, o giù di lì. Così gli scenari si fanno sempre più fantasiosi: la lista dei possibili successori di Allegri ha visto già sfilare tanti nomi, da Antonio Conte a Gasperini, da Guardiola e Pochettino, reduce dal successo del Tottenham approdato alla finale di Champions contro tutti i pronostici, fino a Deschamps, che aveva guidato la Juventus nell’anno in serie B (2006/200/), senza essere confermato. Nell’elenco ci sono finiti anche nomi forse più improbabili in casa bianconera, come Sarri.
Agnelli vorrebbe proseguire con Allegri, ma società e allenatore avrebbero, per ora, posizioni distanti. Il tecnico chiederebbe un aumento dell’ingaggio, per arrivare a 9-10 milioni di euro a stagione, ma sopratutto un restyling della rosa molto più intenso di quello ipotizzabile poche settimane fa, prima dell’infelice conclusione dell’avventura in Champions.
“Di certo, non sarà una rivoluzione”, aveva detto Allegri il 20 aprile, con lo scudetto finalmente matematico.
Ma tra le sue note ci sono tanti punti interrogativi, non solo Dybala: i dubbi riguardano molti, Khedira e Mandzukic, un po’ logori a fine stagione, Alex Sandro e Cancelo, che non hanno convinto del tutto, lo stesso Pjanic che non vedrebbe male un suo trasferimento. E poi si deve fare i conti con i 35 anni di Chiellini, assente per infortunio – i soliti problemi ai polpacci – nelle partite più importanti dell’anno, i quarti di finale con l’Ajax.
Per ritentare la corsa alla Champions servono 4-5 giocatori di prima fascia, e la Juventus – questa è un’altra difficoltà – dovrà fare attenzione ai conti: il bilancio dovrebbe infatti chiudersi con un rosso attorno ai 60 milioni.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

pogba

CALCIO. Mercato: Pogba duello Juve-Real, Inter è rebus Icardi

L’annuncio di SARRI alla Juventus scuote il mondo del calciomercato che di solito la domenica …

maurizio sarri

CALCIO. La giravolta di Sarri, da nemico a condottiero Juve

Da nemico dichiarato a condottiero sul percorso vincente della Juve. Maurizio Sarri è il nuovo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *