Home / Calcio Italia / CALCIO. Il Torino insegue l’Europa

CALCIO. Il Torino insegue l’Europa

Vincere per restare attaccati al carro dell’Europa e sognare sino al termine della stagione.
Anche contro il Sassuolo, dopo le buone prove contro Milan e Juventus, Walter Mazzarri vuole un Toro “cattivo e concreto”.
Gli emiliani, ormai salvi, non hanno più nulla da chiedere al campionato, ma per il tecnico granata “è un arma a doppio taglio, perché saranno sereni di metter in luce le qualità tecniche dei suoi giocatori”. Serve dunque un altro salto di qualità, dimostrare di saper fare la partita, perché un passo falso a questo punto della stagione – e con le vittorie di Atalanta e Lazio – potrebbe rovinare quanto di buono sin qui fatto.
Contro la squadra di De Zerbi, Belotti e compagni scenderanno in campo all’ora di pranzo, ed è la quinta volta in questo campionato. “Per la sua regolarità sarebbe giusto giocare in contemporanea dalla quintultima giornata”, è l’appunto di mister Mazzarri. “Indipendentemente dalle esigenze televisive, le squadre che lottano per lo stesso obiettivo di classifica – ribadisce – dovrebbero giocare allo stesso orario. Ancora di più a tre giornate dal termine…”.
Non una polemica, quella di Mazzarri, ma un invito a “fare più attenzione” dal prossimo anno. E non c’è nessuna polemica neppure dietro il litigio in allenamento tra Sirigu e Rincon, squalificato contro il Sassuolo, che in settimana ha fatto tanto parlare. “E’ raro vedere un gruppo tanto unito come il Toro di quest’anno – sostiene Mazzarri – Peccato che chi ha fatto il video non abbia filmato tutti gli altri allenamenti della stagione. Chi conosce il calcio sa che queste cose accadono”.
Fa pretattica il tecnico granata sulla formazione. “Sapete che non voglio mai dare vantaggi all’avversario”, taglia corto con chi gli chiede se sulla fascia destra giocherà Ola Aina o De Silvestri e se Belotti avrà accanto una seconda punta o sarà supportato da due rifinitori. “Lo vedrete domani….”. L’unica certezza è il ritorno tra i convocati di Iago Falque. “Non ha i 90′ nelle gambe, ma potrebbe iniziare per poi essere sostituito o entrare a partita in corso”, si limita a dire Mazzarri.
E non si sbilancia neppure il presidente Urbano Cairo, oggi a Bologna per il via al Giro d’Italia targato Rcs. “Abbiamo 57 punti, siamo al settimo posto, l’Atalanta è molto lontana e sembra difficile raggiungerla, ma mai dire mai – dice – L’importante è fare ogni singola cosa che ci separa dall’obiettivo nel modo migliore”, a cominciare dalla partita col Sassuolo.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALCIO. Juve sogna allungo, rosa Sarri torna ricca

Finalmente Sarri avrà la rosa al completo, con l’eccezione di Chiellini, per il nuovo ciclo …

CALCIO. La Juve riaccende la Serie A da regina, Ronaldo il faro

Un vero e proprio tour de force attende la Juventus al rientro dalla sosta per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *