Home / Calcio Italia / CALCIO. Higuain al fianco di Ronaldo. Sarri incassa vittoria da casa

CALCIO. Higuain al fianco di Ronaldo. Sarri incassa vittoria da casa

Il cammino è ancora lungo, la vera Juventus dovrà essere altra cosa ma i bianconeri iniziano il campionato comunque con una vittoria, soffrendo poco, anzi pochissimo. I primi tre punti portano il sigillo di Chiellini, in rete al 21′ del primo tempo. Poi le tante occasioni marchiate Cristiano Ronaldo, troppo impreciso però al tiro anche se, per la verità, la Var gli annulla un gol per fuorigioco millimetrico. Sarri comunque incassa questo primo, insolito, successo in collegamento telefonico da casa per colpa della polmonite. Il tecnico, a sorpresa, preferisce Higuain a Dybala mentre a centrocampo c’è Matuidi al fianco di Khedira e Pjanic. In difesa niente Danilo, meglio De Sciglio. Roberto D’Aversa invece non cambia nulla rispetto alle previsioni della vigilia. Stesso undici messo in campo una settimana fa con il Venezia in Coppa Italia con Inglese e Gervinho in avanti affiancati da Kulusevski, preferito all’ex interista Karamoh. In cabina di regia Brugman, arrivato dal Pescara, con al fianco Hernani e il sempreverde Barillà al posto dell’acciaccato Kucka. Difesa nel segno di capitan Alves che, alla fine, soffrirà e non poco i duelli con Ronaldo e Higuain. E il match inizia con i bianconeri sotto a pressare la difesa avversaria. Tre subito le occasioni. Al 4′ una conclusione dal limite di Douglas Costa è di poco a lato. Due minuti dopo scalda il destro Cristiano Ronaldo, imbeccato da Higuain, palla potente ma anche in questo caso fuori misura. Cr7 è ancora più pericoloso al 12′ con un colpo di testa su cross di Khedira. La prima parata è però di Szczesny al debutto in area avversaria del Parma. Al 13′ il portiere bianconero blocca una conclusione ravvicinata di Inglese, abile a sfruttare un cross sporco di Gervinho in mezzo a tre avversari. Più facile per il portiere bianconero fermare la conclusione di Hernani due minuti dopo. Infine Inglese è velocissimo a metterci la punta del piede sul cross teso di Laurini. E’ il 19′ ma ancora una volta l’estremo difensore bianconero è ben piazzato. Il Parma guadagna insomma terreno ma è subito punito dal vantaggio juventino. Arriva al 21′ su calcio d’angolo di Douglas Costa. La prima parabola in area viene respinta da Sepe, Alex Sandro ributta subito in mezzo e Chiellini, fra gli spaesati Laurini e Barillà, devia in rete. Marcatura pesante per il difensore bianconero a cui mancava la rete da ben otto mesi. Al 29′ i bianconeri hanno anche l’occasione per mettere al sicuro il risultato ma Cristiano Ronaldo, tutto solo davanti a Sepe, piazza il pallone clamorosamente a lato. Cr7 non sbaglia invece al 34′ mettendo in rete da posizione difficile ma il gol è annullato dal Var dopo che Maresca aveva convalidato. Ronaldo è in fuorigioco, millimetrico, sul primo lancio di Alex Sandro. Il secondo tempo inizia con la Juventus ancora in attacco. In curva nord crociata intanto striscione contro Buffon, ex del Parma non più amato dalla tifoseria emiliana. Douglas Costa continua ad affondare sulla fascia ma bisogna aspettare il 14′ per vedere una conclusione. E’ di Cristiano Ronaldo, di prima intenzione su assist in area di Khedira, palla però sopra la traversa. Pochi secondi dopo ci prova Higuain ma la conclusione è deviata in angolo. Sul versante parmigiano da segnalare un guizzo di Gervinho e Siligardi al 37′, ma l’azione è fermata per fuorigioco, e, nel secondo dei sei minuti di recupero, un bolide su punizione di Hernani. Troppo poco per impensierire la Juventus. Anche perché di fatto il match del Tardini è durato solo venti minuti, il tempo necessario a Chiellini per segnare il gol partita.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALCIO. Sarri alza la voce: “La mia Juve non stravolge i giocatori”

La mano di Sarri sulla Juventus c’è. Magari soltanto accennata, ma c’è. E’ la convinzione …

CALCIO. Juve-Verona, riflettori su sfida a rischio

Juventus-Verona era già una sorvegliata speciale per la storica rivalità delle tifoserie. Ma dopo l’ondata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *