Home / Torino e Provincia / Borgaro Torinese / CALCIO. ECCELLENZA. Borgaro senza rivali, il sogno continua
Ferrarese prova a fermare Elca nella sfida tra Borgaro e Juve Domo

CALCIO. ECCELLENZA. Borgaro senza rivali, il sogno continua

Il sogno del Borgaro continua e si fa più concreto al termine dell’ennesima prova di forza. I gialloblu superano di misura la Juve Domo nello scontro diretto, volano a +10 in classifica nei confronti degli ossolani e della Virtus Verbania e mettono (forse) l’ipoteca definitiva sulla vittoria del campionato. È il successo di un gruppo eccezionale, plasmato in maniera impeccabile dallo stratega Licio Russo: l’allenatore non sbaglia una mossa, a cominciare dalla coraggiosa decisione di lasciare inizialmente in panchina Pierobon (“Si è allenato poco in settimana”) e di schierare un inedito 5-3-2 con Moracchiato, Riccio e Ferrarese al centro di una difesa impenetrabile – non a caso la migliore del girone -, capace di annullare il reparto offensivo più prolifico. Il Borgaro avrebbe anche potuto permettersi il lusso di pareggiare, ma il segno “X” sarebbe andato alquanto stretto a Russo, che indovina anche il cambio vincente inserendo Zigliani il quale, a un minuto dal 90’ e con i gialloblu in inferiorità numerica per l’espulsione di Garofalo, sbuca sul secondo palo e mette il punto esclamativo su una prestazione di squadra ai limiti della perfezione. L’esatto contrario di quanto proposto dalla Juve Domo, uscita con le ossa rotte dal confronto del “Righi” e con il rammarico di non averci creduto abbastanza. È lo stesso Castelnuovo ad ammettere l’atteggiamento rinunciatario dei suoi “soprattutto nel primo tempo”, i quali hanno dato l’impressione di non voler accorciare le distanze in classifica. I demeriti degli ospiti vanno soppesati con i meriti di un Borgaro che, nonostante l’assetto tattico, non ha invece mai smesso di attaccare. Geografo e Munari testano subito i riflessi del giovane Fiorino, che al ventesimo salva il risultato deviando in corner con la mano di richiamo una conclusione velenosa di Geografo. L’attaccante borgarese è costretto ad alzare bandiera bianca alla mezz’ora a causa di un brutto fallo subito al polpaccio, lasciando così il posto a Pierobon il cui ingresso porta maggiore sostanza togliendo, però, imprevedibilità. La Juve Domo fatica a prendere le misure, sovrastata nella zona nevralgica del campo e resa inesistente davanti. I granata si fanno vedere solo con un sinistro di Alessandro Elca strozzato da Ferrarese e con un contropiede sciupato da Poi che – nomen omen – ritarda troppo il tiro facendosi sorprendere dal rientro di Consiglio. Nella ripresa i ritmi calano e le occasioni latitano: Ferrarese sfiora il vantaggio con un colpo di testa su corner di Pagliero, poi al 41’ Garofalo lascia i compagni in dieci per un ingenuo fallo a metacampo. Quando il pari sembra ormai scritto ecco sbucare la testa del neo entrato Zigliani, che consegna al Borgaro l’allungo decisivo.

Commenti

Blogger: Gabriele Rossetti

Avatar

Leggi anche

sequestrati alimenti dai carabinieri del Rac

BORGARO. Usura ed estorsione, arrestato un uomo di 32 anni

Usura ed estorsioni, arrestato un uomo di 32 anni. Si dedicava alle estorsioni e all’usura …

Alexandra Agiurgiuculese

GINNASTICA RITMICA. Presentate le Final Six di serie A1 e A2 in programma a Torino

Martedì 20 ottobre si è svolta in forma virtuale la conferenza stampa di presentazione delle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *