Home / Calcio Italia / CALCIO. Di Biagio e la generazione Kean, figli di un progetto

CALCIO. Di Biagio e la generazione Kean, figli di un progetto

Sorride la giovane Italia di Roberto Mancini, trascinata ieri dalle reti di Barella e Kean nella gara di qualificazione ad Euro 2020, ma sorride soprattutto Luigi Di Biagio, che quei talenti li ha visti crescere. “Figli di Mancini o di Di Biagio? Barella e Kean sono figli della nazionale, delle Under – dice il tecnico durante la conferenza stampa della vigilia dell’amichevole degli azzurrini con la Croazia – sono figli di un progetto nato otto anni fa quando ci hanno chiesto di rifondare le Under e fare ‘rifornimento’ per la Nazionale”. “Il risultato è gratificante per noi – sottolinea il tecnico dell’U.21 – e quando parlo di noi mi riferisco da Viscidi (il coordinatore delle squadre nazionali giovanili, ndr) a tutti gli allenatori che hanno contribuito a questa crescita. Per noi è una grandissima vittoria. Ci sono anche Zaniolo e Donnarumma, abbiamo finito la partita con quattro potenziali Under. E poi Mancini, Chiesa e Pellegrini, e allargando il discorso Bernardeschi e Insigne, fanno tutti parte del progetto che a questo punto posso dire che è realizzato e abbiamo altri ragazzi pronti a fare il salto”.
Di Biagio sta forgiando l’Under 21 in vista dell’Europeo di giugno che l’Italia giocherà in casa. “Siamo contenti – aggiunge – Roberto Mancini è da supporto continuo, capisce ed ha capito quello che abbiamo fatto in questi anni. Ben vengano questi risultati della nazionale A”. La collaborazione con il ct è totale e anche se dopo l’amichevole di domani a Frosinone con la Croazia, l’U.21 si ritroverà direttamente alla vigilia dell’Europeo, non è escluso che nazionale maggiore e Under si ritrovino: “Sulla carta non dovremmo più vederci da qui a giugno – spiega Di Biagio – però si sta lavorando per cercare uno spazio intermedio per stare tutti insieme, magari in un’unica nazionale. Mancini vuole conoscere altri ragazzi e io ho bisogno di stare con loro, ci stiamo lavorando ma è ancora una cosa da definire”.
Dopo lo 0-0 in amichevole con l’Austria domani gli azzurrini affrontano la Croazia. Di Biagio chiede ai suoi “meno incertezze e continuità e giocare bene”. “Sarà una partita diversa rispetto a quella con l’Austria – sottolinea il tecnico – con la Croazia dovremo essere più concreti e incisivi e cercare di togliergli il palleggio. Ci dovremo adattare alle loro caratteristiche”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALCIO. Pianto CR7,tanti trofei ma papà non mi ha visto

Cristiano Ronaldo si è commosso osservando un video inedito del padre, morto nel 2005. La …

CALCIO. Serie A, show dell’Atalanta, passo falso della Lazio

Dopo la scorpacciata di 65 gol nei primi due turni, la serie A continua a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *