Home / Calcio Italia / CALCIO. Coppa Italia: Pioli, Milan danneggiato dal rigore alla Juventus
Coppa Italia

CALCIO. Coppa Italia: Pioli, Milan danneggiato dal rigore alla Juventus

Pioli affonda il colpo, Sarri para la sciabolata e risponde. “Il Milan – dice il tecnico rossonero – è stato sicuramente danneggiato dal rigore”. “Il rigore – replica l’allenatore della Juve – è clamoroso e ce n’era uno anche 10′ prima su Cuadrado. La regola non mi piace ma non è che se non mi piace la legge esco di casa e vado a delinquere”. Il post-gara della semifinale d’andata di Coppa Italia è elettrico ma i toni sono tranquilli. Maldini stempera la tensione: “Il fallo di mano è una regola da interpretare, non voglio fermarmi sugli episodi o sugli squalificati. A Torino undici giocatori li schiereremo comunque”.

Il pensiero di Pioli però resta amaro: “Ero presente alla riunione con Rizzoli. In Cagliari-Brescia, c’era stato un fallo di rigore di Cerri che stato colpito sul braccio dal pallone mentre era girato ed è stato detto che non andava fischiato il rigore. Oggi è la situazione è identica. Prima c’era un fallo netto su Ibrahimovic che non è stato fischiato. Sinceramente sono un po’ confuso, non riesco a capire queste situazioni sui tocchi di mano”. Pioli evidenzia “l’orgoglio” per “il cuore e la qualità” della prestazione del Milan, la “delusione per il risultato finale”: “E’ chiaro che al ritorno, anche considerando che mancheranno Ibrahimovic, Hernandez e Castillejo, dovremo fare un’impresa. Siamo diventati più forti dopo il derby da cui eravamo usciti con le ossa rotte. Ci stiamo avvicinando a battere una grande squadra, dobbiamo crederci”.

Sarri invece “non vede miglioramenti” nella sua Juventus: “Facciamo fatica a crescere. Siamo mancati negli ultimi 20 metri, venivamo da una brutta partita, ma abbiamo ottenuto un buon risultato e per ora va bene così. Dobbiamo lavorare per evitare qualche gol subito di troppo”. Sarri, infine, liquida con una battuta la querelle con le Poste Italiane: “L’ambiente mi pare difficile, ritiro la mia domanda di assunzione. Non volevo mancare di rispetto ai lavoratori, vengo da una famiglia di operai”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALCIO. La Nazionale Italiana compie 110 anni

Compie oggi 110 anni, ma non li dimostra. E’ la Nazionale italiana di calcio che, …

Cairo: "Andare oltre il 30 giugno rischia di essere un problema"

Calcio. Cairo: “Andare oltre il 30 giugno rischia di essere un problema”

“Giusto salvare coppe e campionati, però andare oltre il 30 giugno rischia di essere un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *