Home / Calcio Italia / CALCIO. Coppa Italia, Brocchi: "Milan per vincere serve spirito Juve"

CALCIO. Coppa Italia, Brocchi: "Milan per vincere serve spirito Juve"

 Niente è impossibile, neanche tra un Milan all’ultima spiaggia e una Juventus che                 sembra imbattibile quando decide di voler vincere. Alla vigilia della finale di Coppa Italia di domani all’Olimpico, la sintesi perfetta del momento rossonero la offre Cristian Brocchi: “Nella vita nulla è impossibile”, dice a denti stretti a chi gli chiede quante chance avrà di alzare il trofeo.
Il tecnico rossonero, la cui grinta da giocatore era nota a tutti, invita a prendere da esempio lo spirito bianconero: “Le migliori squadre sono quelle che hanno pochi punti deboli, lavorano da squadra e hanno ferocia e mentalità di un certo tipo. La Juve ne ha, altrimenti non avrebbe fatto il cammino che ha fatto quest’anno”. “Domani conterà lo spirito e la voglia di darsi una mano con i compagni – aggiunge Brocchi -, la Juve si aiuta sempre e gioca sempre da squadra”.
Un Brocchi che ancora non ha certezze per il suo futuro ma che precisa: “Per me conta solo domani. Normale che io sarei felicissimo di continuare la mia avventura al Milan, ma in questo momento non è importante. Conta solo che la squadra domani si giochi la finale Coppa Italia. Se non sarò qui l’anno prossimo, avrò comunque vissuto l’emozione di aver allenato il Milan che è qualcosa di meraviglioso”. Anche                 se tiene a sottolineare il fatto che “in caso di vittoria non bisogna dire che la stagione è stata positiva, perché di negatività ce ne sono state e bisognerà lavorare dopo affinché non si ripetano certe situazioni che ti riducono a giocarti all’ultima partita qualcosa di importante”. Nessun litigio sul ritiro anticipato a Milanello: “Se ne dicono tante… È stata una proposta, non c’è stata nessuna discussione”, assicura.
E a Riccardo Montolivo che poco prima si diceva sicuro che “in settimana ci siamo allenati bene”, il tecnico chiosa con ironia: “In questa settimana ho visto nei giocatori uno sguardo diverso, si sono allenati bene ma non mi faccio fregare più.
Anche prima della Roma si erano allenati bene e poi è successo quello che è successo…”. Proprio il capitano, tuttavia, assicura: “Domani abbiamo una grande opportunità, l’ultima prova d’appello per il gruppo di dimostrare che abbiamo qualità e possiamo far parte di questa squadra. Dobbiamo parlare con il campo, non a parole. Io credo in questo gruppo, domani possiamo dimostrarlo agli altri e a noi soprattutto. Credo che la Juve parta favorita, ma abbiamo diverse armi che gli possono fare male”.
La novità più importante di campo è il ritorno di Bonaventura in attacco (“Senza di lui non abbiamo potuto cambiare tanto”, precisa Brocchi), che agirà sulla stessa linea offensiva di Honda e Bacca. In difesa, oltre a Donnarumma tra i pali (la porta chiusa rossonera in Coppa Italia è imbattuta da 220′), largo ai giovani Romagnoli e Calabria.

Commenti

Blogger: Andrea Bucci

Andrea Bucci
Minuto per minuto

Leggi anche

CALCIO. La Nazionale Italiana compie 110 anni

Compie oggi 110 anni, ma non li dimostra. E’ la Nazionale italiana di calcio che, …

Cairo: "Andare oltre il 30 giugno rischia di essere un problema"

Calcio. Cairo: “Andare oltre il 30 giugno rischia di essere un problema”

“Giusto salvare coppe e campionati, però andare oltre il 30 giugno rischia di essere un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *