Home / Calcio Italia / CALCIO. Conte resta alla Juve. Resta il rebus e spunta Zidane
Zinedine
Zinedine

CALCIO. Conte resta alla Juve. Resta il rebus e spunta Zidane

L’attesa continua. Non si sono ancora diradati i dubbi sul futuro di Antonio Conte e della panchina della Juventus. I nomi del possibile successore però si rincorrono e nella rosa ne entra uno suggestivo: ‘Zizou’ Zidane, ex compagno proprio di Conte in bianconero e ora secondo di Ancelotti al Real Madrid.

Oggi è stata un’altra giornata interlocutoria, che non ha portato a sviluppi nè in un senso, nè nell’altro. Le parole del tecnico al termine della vittoria sulla Roma sono suonate come un anticipo di addio, ma non ci si può impegnare in percentuali sulle possibili soluzioni della storia.

Lo scenario è ormai definito, i paletti sono chiari. Da un lato il tecnico chiede un nuovo progetto, frutto di una profonda ristrutturazione del gruppo e basato anche su giovani talenti, teso alla ribalta europea. La società, pur assecondando la necessità di immettere energie nuove, non sembra intenzionata a discostarsi dal modus operandi fin qui tenuto. Ovvero, come lo scorso anno, puntare su 2-3 rinforzi da inserire in una rosa già consolidata. Le posizioni sembrano quindi al momento distanti, i tifosi attendono di sapere cosa ne sarà del loro ‘Capitano’.

La sensazione, che sta diventando una possibilità concreta, è che non si arrivi alla verità in questa settimana. Domenica c’è la festa scudetto, con il giro sul bus scoperto della squadra attraverso la città e quindi una risoluzione del rapporto con l’allenatore che ha rifatto grande la Juve potrebbe rovinare il clima gioioso. Eventualità possibile, questa del rinvio, anche considerato che la squadra è a riposo fino a giovedì e che quindi lo stesso Conte potrebbe concedersi qualche giorno di relax utile a stemperare lo stress della stagione e arrivare sereno al confronto con il presidente Agnelli e l’ad Marotta.

Roberto Bettega, vicepresidente bianconero nel periodo dei successi dell’era Lippi rileva: “Credo che Conte e la società debbano ragionare sulle prospettive sul futuro, tenendo conto che ci sono società che fatturano il doppio della Juve. Antonio in tre anni ha fatto grandissime cose; lui, la società e i ragazzi. Non possiamo pensare che tutti facciano scelte come la mia di restare bandiera della Juve per sempre, il mondo è cambiato da allora”.

Ma chi potrebbe prenderne il posto? Anche qui le voci si rincorrono e i nomi che si iscrivono alla corsa aumentano di conseguenza di giorno in giorno. Il nome forte sembrerebbe ancora quello di Roberto Mancini (se il Galatasaray gli consentirà di rescindere il contratto), con Allegri, Spalletti e Montella come soluzione ‘italiana’. La suggestione forse più affascinante per i tifosi riporta al nome di Zinedine Zidane.

Mai come questa volta, davvero, non si può escludere nessuna ipotesi.

Commenti

Blogger: Liborio La Mattina

Liborio La Mattina
Nun Te Reggae Più

Leggi anche

CALCIO. La Nazionale Italiana compie 110 anni

Compie oggi 110 anni, ma non li dimostra. E’ la Nazionale italiana di calcio che, …

Cairo: "Andare oltre il 30 giugno rischia di essere un problema"

Calcio. Cairo: “Andare oltre il 30 giugno rischia di essere un problema”

“Giusto salvare coppe e campionati, però andare oltre il 30 giugno rischia di essere un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *