Home / Calcio Italia / CALCIO. Champions:Juve,”ci sarà da soffrire” ma ora lo scudetto

CALCIO. Champions:Juve,”ci sarà da soffrire” ma ora lo scudetto

Non c’è solo il Ronaldo che non perde un colpo in Champions a consolidare le ambizioni europee della Juventus. La serata di Amsterdam, sofferta ma chiusa con un buon pareggio e il match-ball annullato solo dal palo, ha promosso a pieni vota Rugani e Bentancur e rivitalizzato Douglas Costa. Il brasiliano è tornato protagonista quasi alla fine di una stagione per lui finora tutta in salita, alternandosi al Bernardeschi spumeggiante del primo tempo. “Torno a giocare a calcio con allegria dopo molto tempo”, ha confermato.
CR7 ha approvato le scelte di Allegri e l’atteggiamento: “Squadra ben fatta”, ha scritto su Instagram il fuoriclasse portoghese, “felice per essere tornato segnando nella fantastica competizione”. Allegri era stato più critico, ieri sera alla ‘Johan Cruijff Arena’: “potevamo fare meglio, soprattutto sfruttare maggiormente gli spazi che l’Ajax lascia”.
Ma i motivi per rallegrarsi non solo pochi: Rugani, chiamato a sostituire Chiellini, ha superato la prova, in una serata che poteva essere difficile per mille motivi, compreso il confronto a distanza con De Ligt, il difensore dell’Ajax al quale tante big fanno la corte, compresa la Juve. “Tra 6 giorni – ha postato il 24enne difensore bianconero – uno stadio infernale per avvicinarsi al Paradiso”.
La qualificazione alle semifinali è ancora lontana, anche per i bianconeri. C’è il valore dell’Ajax a ricordarlo, e il fresco precedente del 4-1 degli olandesi al ‘Santiago Bernabedu’, il ribaltone che negli ottavi ha steso il Real Madrid campione in carica, l’impresa forse più imprevista in questa Champions. “Il cammino è lungo e ci sarà da soffrire – è il monito di Bonucci -, la partita di Amsterdam ne è l’esempio. Ora recuperiamo e pensiamo a chiudere il campionato sabato”.
Lo scudetto, l’ottavo della serie aperta dalla Juve di Conte, è ormai una formalità da sbrigare, tra due giorni a Ferrara.
Basta un punticino, a tre giorni dal secondo atto con l’Ajax.
Ronaldo resterà di nuovo a riposo, come pure Manduzkic e Matuidi, usciti nel secondo tempo di Amsterdam senza più benzina. Toccherà di nuovo a Dybala, il cui rendimento resta un enigmatico, nonostante le lodi e l’incoraggiamento di Allegri, e a Kean. L’attaccante diciannovenne andrà alla caccia di altri gol, dopo essere andato a segno in 5 partite consecutive, tra campionato e Nazionale. Più ancora dei gol, però, il tecnico bianconero si aspetta che sappia gestire bene anche l’adrenalina per il periodo d’oro. E di avere un’altra freccia al suo arco per le settimane decisive in Champions.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Pogba

CALCIO. “Pogba deve chiarire le sue vere intenzioni con il Manchester”

Pogba deve chiarire le sue vere intenzioni con il suo club, il Manchester United, in …

CALCIO. Allegri (Juve): “La ferita della Champions c’è, ma è tempo di far festa”

L’uscita dalla Champions “è stato un dispiacere” che ha dispensato delusione “ma domani dobbiamo vincere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *