Home / Sport / Calcio / Calcio. Prima Categoria. Montanaro e Colleretto si dividono la posta

Calcio. Prima Categoria. Montanaro e Colleretto si dividono la posta

Nulla di fatto tra Montanaro e Colleretto Pedanea. Il match più atteso della seconda giornata del girone di ritorno si chiude 0-0. Risultato che rispecchia l’andamento di una partita maschia, combattuta prevalentemente in mezzo al campo. Alla fine il punto può star bene ad entrambe. Mister Sasso schiera una squadra estremamente offensiva con il tridente composto da Barbaro, Borgese e Zarantonello. In difesa trova posto l’altro acquisto “natalizio”, Giulio Agricola. Partita subito bloccata in mediana, su un campo piuttosto pesante. Affiorano delle rudezze e per 25’ si galleggia a centrocampo senza grossi fremiti. Il Montanaro ha una buona occasione con Barbaro in mischia al 12’, ma il suo destro da posizione vantaggiosa si perde oltre la traversa. Gli ospiti si esprimono a tutto campo con razionalità, assistiti tuttavia da scarne vampate di estro risultando pericolosi solo su palla inattiva. Come al 25’ quando Zardini con una parabola beffarda scavalca D’Amico, ma la sfera si infrange sulla traversa. Il Montanaro prova a pungere per vie esterne, ma Borgese e Zarantonello non riescono a scalfire la retorguardia del Colleretto. Al 34’ i locali creano la loro migliore occasione della gara; Barbaro si accentra dalla destra, chiede ed ottiene l’uno-due con Borgese e si presenta in solitaria davanti a Pellitteri, ma si attarda in un controllo di troppo e il portiere gli ruba la sfera in uscita con grande tempismo. Le due squadre si affrontano con alacrità innegabile, ma solo raramente trovano la misura giusta nei passaggi in grado di aprire varchi nelle difese avversarie. Il tempo si chiude con il secondo legno centrato da Zardini con un tiro-cross dall’out mancino che coglie in piano il montante alla sinistra di un impietrito D’Amico. La ripresa non si discosta da quello che si è visto nei primi 45’: pochi sussulti e tanto agonismo. Il Montanaro sembra avere un po’ più di garra soprattutto nell’andare a battagliare sulle “seconde palle”. L’occasione più nitida però è del Colleretto. Al 18’ il neoentrato La Cava scende bene sulla sinistra e va al cross dal fondo trovando Koetting pronto alla deviazione a due passi D’Amico, ma il numero 11 gialloblu arriva all’appuntamento con la sfera con una coordinazione approssimativa e la spedisce alta di testa. L’ultimo quarto della contesa è, se possibile, ancora più convulso. La pesantezza del campo rende meno lucido qualsiasi tentativo di manovra palla a terra. Nel finale gli animi si accendono e il Colleretto si ritrova a giocare gli ultimi 8’ (4’ regolamentari a cui vanno ad aggiungersi i 4’ del recupero) in nove uomini per le espulsioni, entrambe per somma di ammonizioni, di Quilico e Bergonzi (quest’ultima apparsa parecchio affrettata). Il Montanaro si riversa nella metà campo avversaria cercando dicogliere la palla al balzo, ma ha una sola vera palla-gol in pieno recupero con Abena, al quale mancano freddezza e precisione a pochi metri da Pellitteri. Il direttore sportivo dei montanaresi Fabrizio Ceria analizza così la gara. “Credo che il risultato sia giusto. Nel secondo tempo abbiamo provato a spingere maggiormente per cercare la vittoria, ma non abbiamo creato grosse occasioni negli ultimi sedici metri. E’ un punto da non disprezzare perché ottenuto contro una buonissima squadra. Su un campo così pesante non era facile giocare”.

MONTANARO-COLLERETTO PEDANEA 0-0
Montanaro: D’Amico, Agricola, La Pira, A. Vanzini, Alessio, Sinato, Turano, S. Vanzini (32’ st Nicolini), Barbaro, Borgese, Zarantonello (37’ st Abena). A disp. Perseghin, Piscitelli, Collura, Negro Frer, Piazza. All. Sasso.
Colleretto Pedanea: Pellitteri, Quilico, Cappo, Di Nuzzo (16’ st La Cava), Corsetti, Bergonzi, Chioso, Zardini, Anglisani (6’ st Zaltron), (35’ st Bevilacqua, Koetting. A Disp. Baima, Bocca, Maranta, Bizzotto. All. Bardus.
Arbitro: Taccagni di Alessandria.
Note: espulsi Quilico al 39’ st e Bergonzi al 41’ st entrambi per somma di ammonizione. Ammoniti Sinato, Cappo, Borgese, Koetting.

Commenti

Blogger: Roberto Vannicola

Roberto Vannicola
Cinque, Cinque, Cinque

Leggi anche

BEACH VOLLEY. Lupo e Nicolai conquistano il pass per Tokyo 2020

Daniele Lupo e Paolo Nicolai hanno conquistato la qualificazione per Tokyo, ottenendo uno dei due …

RUGBY. Il XV scelto da O’Shea per l’esordio contro la Namibia nella Rugby World Cup 2019

Conor O’Shea, Commissario Tecnico della Nazionale Italiana Rugby, ha ufficializzato la formazione che domenica alle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *