Home / Sport / Calcio / Calcio. Prima Categoria. Le pagelle del Montanaro

Calcio. Prima Categoria. Le pagelle del Montanaro

D’Amico 6: sul diagonale di Poleo riesce solo a sfiorare il pallone, sul raddoppio non può nulla. Per il resto risponde presente; bene su Naretto in avvio.
Zorzi 6: gioca in un ruolo non suo e cerca di limitare i danni presidiando la propria zona di competenza a scapito della spinta offensiva.
La Pira 5,5: meglio in fase di spinta che in quella di copertura, peccato che non riesca mai ad arrivare sul fondo per il cross. I due gol arrivano dal suo lato.
S. Vanzini 6: in mediana è l’unico che sembra avere le giuste misure per non lasciare troppo campo agli avversari.
Camoletto 5,5: poco protetto dai centrocampisti spesso è costretto a rilanciare alla cieca andando poi in affanno contro avversari più rapidi.
Alessio 5,5: come il compagno di reparto respira poco non riuscendo mai a gestire con calma il cuoio.
Piazza 5: impalpabile sia a destra che a sinistra. Da uno con le sue qualità ci aspetta molta più verve.
Negro Frer 5: specialmente nel primo tempo esce troppo spesso a vuoto in pressing facendosi saltare facilmente e lasciando un buco pericoloso alle proprie spalle.
De Felice 6: lasciato desolatamente solo in balia dei due centrali biancorossi si batte comunque su ogni pallone dando del filo da torcere a Mombelli e Pozzato. Col “mestiere” prova a tenere viva la partita, ma senza successo.
Zanzarelli 5,5: offre poco supporto a De Felice e mancano anche le sue giocate per creare la superiorità numerica.
Cantamessa 5,5: all’esordio da titolare in prima squadra sente l’emozione e non riesce a combinare molto.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

VOLLEY. L’Italvolley femminile non fa sconti al Portogallo: 3-0

L’Italvolley femminile ha esordito con una vittoria al Campionato Europeo 2019, in corso di svolgimento in …

SCI ALPINO. I gigantisti azzurri raggiungono velocisti e slalomisti in Argentina

Nuova tornata di partenze per le squadre di Coppa del mondo maschile con destinazione l’Argentina. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *