Home / Sport / Calcio / Calcio. Prima Categoria. La Chivasso ritorna a ruggire

Calcio. Prima Categoria. La Chivasso ritorna a ruggire

La Chivasso non fa sconti al fanalino di coda Gioventù Rodallese e si impone con un tennistico 6-0. Come da pronostico è stato un match senza storia con i biancorossi vogliosi di tornare al successo per restare in vetta alla classifica e con i galletti ormai rassegnati ad un’altra stagione da dimenticare e con una rosa ridotta ormai al lumicino. Mister Giraulo dà fiducia dal 1’ a Passamonte e ritrova, inizialmente in panchina, Calzolaro dopo un lungo periodo ai box per motivi lavorativi. Il canovaccio del match è chiaro sin dal fischio d’inizio: capolista a spingere e calusiesi a cercare di barcamenarsi una situazione sempre più difficile. Bisogna aspettare solo 11’ per vedere la prima rete biancorossa: Poleo parte da sinistra, si accentra (senza essere contrastato efficacemente) e dal limite lascia partire una rasoiata di destro che si insacca nell’angolino lontano. Il raddoppio arriva al 18’: percussione centrale di Perseghin, scambio con Naretto avvantaggiato da un rimpallo e preciso destro del mediano che a tu per tu con Bessolo non sbaglia. La Rodallese prova a reagire con un sinistro velenoso di Paganoni poco dopo, ma la sfera attraversa tutto lo specchio della porta prima di perdersi sul fondo. La Chivasso mette in ghiaccio la contesa prima della mezzora: corre il 26’ quando Naretto mette a sedere difensori e portiere e appoggia al centro dove Ignazzi deve solo spingere la sfera in fondo al sacco. Prima dell’intervallo c’è ancora spazio per una sassata di Perseghin dalla distanza che coglie la traversa e per l’espulsione di Apa che dopo una serie di richiami da parte del direttore di gara si fa cacciare per un’espressione blasfema. In avvio di ripresa Vai sfonda sulla sinistra, si accentra e con un destro a giro costringe Bessolo alla deviazione. La Rodallese, nonostante l’inferiorità numerica si rende pericolosa con Perera che dal limite si libera per la conclusione e centra il palo. Dopo il rosso a Mosca per somma di gialli, la partita non ha più storia. La Chivasso torna a rombare e a dilagare contro un avversario ormai alle corde e sulle gambe. Dopo una bella iniziativa di Passamonte che si perde di poco a lato e una punizione di Poleo deviata dalla barriera e che fa la barba al palo, arriva il poker con bomber Naretto che in mischia (e complice una deviazione fortunata) ritrova la via del gol dopo alcune settimane di astinenza. Poco dopo Postiglione al vertice dell’area piccola controlla e di sinistro infila l’angolo più lontano siglando il 5-0. Il set lo chiude ancora Naretto con un destro preciso che non lascia scampo al portiere. La Chivasso non infierisce più su una Rodallese apparsa che vede sempre più vicina la seconda retrocessione consecutiva. I biancorossi ora sono attesi dal recupero sul campo dell’Aosta 511: è l’occasione buona per tornare a comandare la classifica in completa solitudine e staccare il Bianzè.

Gioventù Rodallese-La Chivasso 0-6
Marcatori: pt 11’ Poleo, 18’ Perseghin, 26’ Ignazzi; st 20’ e 40’ Naretto, 30’ Postiglione.
Gioventù Rodallese: Bessolo, Apa, Celestra, Vallesio, Vana, Ambrosino, Paganoni, Zanellato (26’ pt Boggio), Mosca, Perera, Vitale (25’ st Bava). A disp. Praticò, G. Cena, Donetti. All. Franco.
La Chivasso: Montalbano, Parisi, Vai, Nicita (5’ st Durello), Mombelli, Pozzato, Passamonte (20’ st Calzolaro), Perseghin, Naretto, Poleo, Ignazzi (25’ st Postiglione). A disp. Corda, Giacomini, Rasconà, Corso. All. Giraulo.
Arbitro: Inocco di Biella.
Note: espulsi Apa al 41’ pt e Mosca al 15’ st.

Commenti

Blogger: Roberto Vannicola

Roberto Vannicola
Cinque, Cinque, Cinque

Leggi anche

BEACH VOLLEY. Lupo e Nicolai conquistano il pass per Tokyo 2020

Daniele Lupo e Paolo Nicolai hanno conquistato la qualificazione per Tokyo, ottenendo uno dei due …

RUGBY. Il XV scelto da O’Shea per l’esordio contro la Namibia nella Rugby World Cup 2019

Conor O’Shea, Commissario Tecnico della Nazionale Italiana Rugby, ha ufficializzato la formazione che domenica alle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *