Home / Calcio Italia / CALCIO. Calcioscommesse: Associazione calciatori parte offesa
Calciomercato

CALCIO. Calcioscommesse: Associazione calciatori parte offesa

Nel processo sul calcioscommesse per l’indagine condotta dal procuratore di Cremona, Roberto Di Martino, oggi il gip Guido Salvini ha accolto l’istanza del presidente Damiano Tommasi e ammesso come ‘parte offesa’ l’Associazione italiana calciatori (Aic), in Italia l’unica associazione sindacale dei calciatori. L’ammissione dell’Aic, che al processo si costituirà parte civile, è avvenuta in occasione della seconda udienza (incidente probatorio) nel corso della quale i periti informatici hanno depositato l’ultima tranche del lavoro eseguito sugli apparecchi, tra computer e Smartphone, sequestrati ai 111 indagati. I risultati della perizia saranno poi illustrati e discussi all’udienza del 27 novembre prossimo. Una cinquantina gli avvocati presenti oggi al tribunale di Cremona, tra i quali Amilcare Busceti, legale del capitano della Lazio Stefano Mauri che una ventina di giorni fa ai periti ha fornito il pin del suo ultimo telefonino. “Quando abbiamo saputo che era richiesto, lo abbiamo messo a disposizione, chiedendo che venisse acquisito in sede di incidente probatorio – ha detto l’avvocato Busceti -. Finora nessun riscontro. Siamo molto contenti. Attendiamo l’ultimo tassello che metta il punto definitivo sulla vicenda del nostro capitano così come siamo usciti dalla giustizia sportiva”. Si è detto soddisfatto anche l’avvocato Antonio De Rensis, legale di Antonio Conte, il Ct della Nazionale ed ex allenatore della Juventus in riferimento al periodo in cui era il tecnico del Siena. “Nessun riscontro. Su Conte non è emerso nulla come era immaginabile”, ha evidenziato il difensore. Anche se la copia forense del suo pc consegnata ai periti è rimasta illeggibile.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Avatar

Leggi anche

CALCIO. La Nazionale Italiana compie 110 anni

Compie oggi 110 anni, ma non li dimostra. E’ la Nazionale italiana di calcio che, …

Cairo: "Andare oltre il 30 giugno rischia di essere un problema"

Calcio. Cairo: “Andare oltre il 30 giugno rischia di essere un problema”

“Giusto salvare coppe e campionati, però andare oltre il 30 giugno rischia di essere un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *