Home / Calcio Italia / CALCIO. Bella e cinica, Sarri disegna la sua Juventus
MAURIZIO SARRI

CALCIO. Bella e cinica, Sarri disegna la sua Juventus

Cambiare senza stravolgere, guardare al futuro senza dimenticare gli anni, e le vittorie, di Allegri. A una settimana dalla sua presentazione ufficiale di Maurizio Sarri inizia a delinearsi la nuova Juventus. Quella che dovrà “divertirsi e far divertire, coniugando vittorie e risultati positivi”, sostiene il tecnico per la gioia della società che lo ha scelto e dei tifosi bianconeri, che sperano di perdonargli presto il suo passato al Napoli. Certo all’inizio non sarà facile. “È un’eredità difficile, è una società che ha vinto tanto – ammette lo stesso Sarri nella sua prima intervista a Juventus Tv -. Sarà difficile ripetere i risultati di questi ultimi cinque anni, anche numericamente”. Anche perché la concorrenza si sta rafforzando. Sarri non è l’unico allenatore al rientro in serie A. “Sarà un campionato frizzante – è la previsione dell’ex Chelsea -. Torna Conte in una società ambiziosa come l’Inter, Giampaolo finalmente potrà allenare una grande, senza dimenticare Ancelotti con il Napoli. Fonseca ha grandi doti e al Sassuolo c’è l’emergente De Zerbi”. L’obiettivo è scaricare le responsabilità dalle spalle dei calciatori bianconeri, nonostante la presenza di Ronaldo e il possibile arrivo di campioni come De Ligt o Rabiot. “Dobbiamo dimenticare le responsabilità, divertire e divertirci – ripete quasi come un mantra -. Tenteremo di giocare più palloni, questa è una filosofia di gioco”. Resta però fondamentale che nel corso della stagione emerga quel cinismo che aveva reso grande la Juventus di Allegri, quella dei cinque scudetti consecutivi e delle due finali di Champions League. “Vorrei che la squadra conservasse alcune caratteristiche di Allegri – conferma -. Sembrava a un passo dal finire sotto, ma poi ti schiacciava. Resistere alle difficoltà e poi distruggere l’avversario in dieci minuti”. Lo sa bene il tecnico ex Napoli, propositivo e dominante contro la Juventus ma spesso sfortunato nel capitalizzare. “Fino a un anno prima era la nemica storica con cui avevo combattuto anche in maniera forte: se non tiri fuori il 120% non puoi pensare di sconfiggerla”. Il sogno di Sarri è che sia lo stesso anche per la sua Juventus. Perché “quando ti alzi la mattina l’obiettivo è uno – dice -: vincere”. Anche in Europa, nonostante il livello delle avversarie sia superiore. “Bisogna viverla per quello che è, una Juve così straripante fa pensare a tutti che possa essere lo stesso in Europa – conclude – ma il nostro movimento, purtroppo, oggi non è questo”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALCIO. Champions: Juve; Sarri, voglio una risposta seria

Con il primo posto nel girone di Champions già in tasca Maurizio Sarri vuole una …

CALCIO. Juve; coro bianconeri “stiamo uniti e lavoriamo”

La caduta della Juventus all’Olimpico di Roma ha fatto rumore, ben più del primo insuccesso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *