Home / Torino e Provincia / Cafasse / CAFASSE. Rissa in campo, arriva la maxi squalifica
Christian Casari, Luca Betemps

CAFASSE. Rissa in campo, arriva la maxi squalifica

Oltre il danno anche la beffa per il Cafasse Balangero. Come se non bastasse l’amara retrocessione dalla Prima alla Seconda Categoria, il sodalizio gialloblu ha dovuto fare i conti anche con la mano pesante, anzi pesantissima, del giudice sportivo dopo la rissa scoppiata subito dopo il triplice fischio finale della sfida playout con il Corio persa 1-2. La giustizia sportiva ha inflitto delle vere e proprie stangate nei confronti di Christian Casari e Luca Betemps, squalificandoli rispettivamente fino 30 maggio 2020 e al 30 maggio 2019 per aver dato il là e partecipato alla zuffa. Di seguito quanto riportato sul comunicato. Per Casari: “Per il comportamento violento e gravemente antisportivo nei confronti dei giocatori avversari e dell’arbitro. Il signor Casari, durante i minuti di recupero, spingeva con forza un giocatore avversario, facendolo cadere a terra, dove lo colpiva con un calcio. Ne scaturiva una rissa, alla quale il signor Casari partecipava attivamente. Al termine della gara lo stesso si toglieva la maglia e la lanciava contro l’arbitro. Inoltre inseguiva il direttore di gara negli spogliatoi, impedendogli l’entrata, insultandolo e minacciandolo ripetutamente sino ad arrivare a spingere con forza l’arbitro, che finiva addosso ad un altro giocatore, e ad appoggiargli con violenza il braccio sulla spalla per tirarlo verso di lui. Tale condotta veniva interrotta solo grazie all’intervento di un dirigente della squadra avversaria”.

Per Betemps: “Per il comportamento violento e gravemente antisportivo nei confronti dei giocatori avversari e dell’arbitro. Il signor Betemps partecipava attivamente a una rissa in campo, al termine della gara inseguiva un giocatore avversario, colpendolo con un pugno al naso e un calcio alle gambe, provocandogli fuoriuscita di sangue dal naso. Inoltre inseguiva il direttore di gara il direttore di gara negli spogliatoi, impedendogli l’entrata, insultandolo e minacciandolo ripetutamente”. Ma la stangata nei confronti del Cafasse Balanger non finisce qua: al portiere Federico Pagliasso sono state inflitte tre giornate, al tecnico Stefano Fioccardi quattro mesi di stop, mentre al direttore sportivo Luca Aragno due mesi. Laconiche e cariche di amarezza le parole del ds Aragno. “In questo momento preferisco non rilascare delle dichiarazioni ufficiali. E’ chiaro che stiamo valutando attentamente come muoverci, che cosa fare”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

PONT. Scuola: parla il gruppo di maggioranza

Dopo la mancata concessione del finanziamento regionale per la ristrutturazione dell’attuale scuola media di Pont …

CUORGNÈ. Corso di formazione per gli operatori economici

I commercianti di Cuorgnè potranno partecipare ad un corso di formazione “e-commerce” per la promozione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *