Home / Torino e Provincia / Cafasse / CAFASSE. 50mila euro per le telecamere!

CAFASSE. 50mila euro per le telecamere!

L’amministrazione comunale di Cafasse punta sulla sicurezza. Lo annuncia il sindaco Andrea Sorrisio, che ha destinato la somma di circa 50mila euro alla videosorveglianza. Le telecamere, attualmente una quindicina, raddoppieranno e saranno messe in rete, così che si riesca a consultare quanto registrato da un’unico luogo.

A breve alcune telecamere saranno sostituite, altre saranno aggiunte – spiega il primo cittadino -. Serviranno da deterrente in alcuni punti strategici del paese”.

Saranno installate al centro polisportivo, dove ci sono tra le altre i campi da tennis, da calcio e la bocciofila, una zona insomma molto frequentata e da tempo soggetta ad atti vandalici. Ma non solo. “Altre le posizioneremo vicino alle scuole, altre ancora nella zona dell’ex mulino comunale dove sorgeranno il parco giochi e il parcheggio – aggiunge Sorrisio -. Potenzieremo poi la videosorveglianza nella zona a nord del paese, ma abbiamo ipotizzato anche la copertura del fondo del paese, dov’è situata la rotonda di corso Mandelli”.

Al di là della posizione delle numerose telecamere, come detto, quel che conta è che saranno messe in rete.

Ci sarà poi la possibilità, nei prossimi anni, di aggiungere altri apparecchi al sistema che sarà predisposto – sottolinea il sindaco -. Saranno utili, oltre che da deterrente, anche come strumento per le indagini dei carabinieri”. 

Non è la prima volta che Sorrisio si mobilità nell’ambito della sicurezza. “Già in passato avevamo provato, quando c’era stata un’ondata di furti, a farci aiutare da una ditta privata che girava in paese durante la notte – conclude il primo cittadino -. Ma questa è una soluzione che lascia il tempo che trova. Servirebbe una maggiore presenza delle forze dell’ordine sul territorio, ma purtroppo i carabinieri sono pochi come in tutta Italia. Noi, ad esempio, facciamo riferimento a Fiano, ma siamo 5 paesi. Come possono fare i carabinieri, con un organico limitato, a controllare il territorio? È impossibile. Insomma noi metteremo le telecamere e saranno certamente utili, ma nonostante questo provvedimento i cittadini dovranno continuare a non abbassare la guardia, a fare attenzione, a illumare le case, montare sistemi di allarme. Insomma, tenere gli occhi aperti”.

Manuel Giacometto

Commenti

Blogger: Manuel Giacometto

Manuel Giacometto
La sfumatura

Leggi anche

Dell’impiego ovvero dello Statuto dei lavoratori

Il professor Carlo Ossola (dovrebbero tremarmi le vene dei polsi solo a scriverne il nome), …

IVREA. Italgas acquista il 15% di Aeg Reti Distribuzione

Italgas società quotata alla borsa di Milano, specializzata nell’attività di distribuzione del gas, con oltre …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *