Home / Aziende / BUTTIGLIERA ALTA. Marco, 25 anni e un futuro davanti: “Nel Gruppo Re Italia vince lo spirito di squadra”
Marco, sorridente, al lavoro

BUTTIGLIERA ALTA. Marco, 25 anni e un futuro davanti: “Nel Gruppo Re Italia vince lo spirito di squadra”

Marco Marino ha il sorriso di chi prende il lavoro dal verso giusto.
Con i tempi che corrono, la crisi che c’è stata e ancora si fa sentire, il futuro dei giovani che è tante ombre e poche luci, questo ragazzo di 25 anni è una mosca bianca. Un’eccezione. Almeno per chi non conosce la realtà per cui lavora.
“Al mattino vengo qui contento – racconta, con gli occhi di chi ci crede -, perché ogni giorno è uno stimolo nuovo. Una sfida diversa”.
“Believe” è la scritta che campeggia a caratteri cubitali, nero su bianco, alle sue spalle. Crederci. Prima di tutto. E come lui ci credono i ragazzi e le ragazze con cui condivide l’ufficio, qui nella zona industriale e commerciale di Buttigliera Alta, alle porte della Val di Susa. Tante mosche bianche nell’Italia del terzo millennio, verrebbe da dire.
Il diploma al liceo linguistico e l’Università, poi l’ingresso nel mondo del lavoro e nella realtà del Gruppo Re Italia, azienda leader nel settore dei serramenti, delle porte e delle tende da sole.
“Grazie a mio fratello tre anni fa ho trovato questo impiego – spiega Marco Marino -. In azienda sono responsabile degli ordini, trade d’union tra il progettista che va a casa dei clienti e i commerciali. Il Gruppo Re Italia è come una squadra di calcio: si lavora tutti per un obiettivo comune, la soddisfazione dei nostri clienti. Io mi sento un centrocampista, un collante tra la difesa e l’attacco: è una squadra che sento mia, i colleghi sono compagni, amici. Non conto le ore che passo al lavoro, ma guardo al risultato finale”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

No tav

CHIOMONTE. Riparte l’assedio No Tav. Salvini, accelerare i lavori

I No Tav riprendono l’assedio al cantiere. Dopo la dimostrazione di due sere fa nella …

IVREA. Appello a Sertoli. “Non modificate lo statuto del Carnevale”

In seguito all’incontro del 17 luglio, nel corso del quale Fondazione e Amministrazione comunale hanno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *