Home / BLOG / BUROLO. Una via a Bertoldo Fioravanti era uno dei cuochi del Titanic

BUROLO. Una via a Bertoldo Fioravanti era uno dei cuochi del Titanic

È stata intitolata sabato 24 novembre la via a Giuseppe Bertoldo Fioravanti, il burolese scomparso tragicamente nel naufragio del Titanic.

Bertoldo, nato a Burolo il 14 dicembre 1888, era figlio di Domenico Bertoldo e Angela Glauda; dopo essersi trasferito in Inghilterra (a Southampton) per lavoro, decise di salire a bordo del Titanic il 10 aprile 1912, come risulta dall’atto dell’iscrizione per l’imbarco.

Per lui si trattava del primo viaggio in nave e firmò il contratto di addetto al retrocucina.

Lo sfortunato burolese morì solo cinque giorno dopo, il 15 aprile 1912, all’età di ventiquattro anni e il suo corpo non fu mai recuperato e identificato. L’atto di morte, documento conservato presso il Comune di Burolo, venne redatto il 10 dicembre dell’anno successivo e il cognome ‘Fioravante’ mutò in ‘Fioravanti’.

La strada, tra la fine di Viale Liguria e Canton Parise, è stata intitolata alla sua memoria e a quella di tutti i burolesi che persero la vita alla ricerca di un futuro migliore e lasciarono il proprio paese per cercare fortuna. A presiedere la cerimonia il Sindaco Franco Cominetto,  con l’accompagnamento musicale, appositamente scelto per richiamare gli strumenti che solitamente venivano utilizzati per allietare i lunghi viaggi in mare, di Gianni Corzetto e Davide Stura al sax e alla fisarmonica. Dopo la benedizione del parroco di Burolo don Giovanino, infine, tutti presenti sono stati invitati a partecipare al rinfresco offerto da Carrefour.

Il pomeriggio è poi proseguito in Municipio dove, alle 16.00, l’atteso storico Claudio Bossi è intervenuto sulla tragedia del Titanic e in particolare sulla figura di Giuseppe Bertoldo Fioravanti, presentando la sua storia e l’esperienza vissuta a bordo della nave, con l’ausilio di slides e filmati.

Il pomeriggio si è concluso con la toccante interpretazione di ‘Mamma mia dammi cento lire’ di Gianni Corzetto e Davide Stura.

Commenti

Blogger: Martina Gueli

Martina Gueli
Artisticamente parlando

Leggi anche

CHIVASSO. Gli studenti hanno ricordato le vittime delle mafie

“Ricordiamoli tutti per farli vivere ancora, per non farli morire mai”. E’ stata questa la …

TORINO. Aggredite sul bus perché col velo, il video su Fb

Prese a calci e pugni perché indossavano il velo. E’ il racconto di Fatima Zahara …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *