Home / Torino e Provincia / Burolo / BUROLO. Il sindaco vieta la sperimentazione del 5G nel suo comune
cominetto burolo
IL SINDACO COMINETTO

BUROLO. Il sindaco vieta la sperimentazione del 5G nel suo comune

Il sindaco, Franco Cominetto, dice “No” alla sperimentazione del 5G sul territorio del suo comune.

Il divieto è stato messo nero su bianco con un’ordinanza emessa in data 4 maggio  e inviata anche all’Autorità delle Garanzie nelle comunicazioni e al Prefetto di Torino.

Nel documento, Cominetto, ordina di vietare a chiunque la sperimentazione o installazione del 5G sul territorio del Comune di BUROLO, in attesa della nuova classificazione della cancerogenesi annunciata dall’ International Agency for Research on Cancer, applicando il principio precauzionale sancito dall’Unione Europea, prendendo in riferimento i dati scientifici più aggiornati, indipendenti da legami con l’industria e già disponibili sugli effetti delle radiofrequenze, estremamente pericolose per la salute dell’uomo.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

IVREA. Altri 4 candidati per la Guelpa ma è ancora lite su Bottino…

Di curriculum, entro il 17 gennaio, ne sono arrivati quattro e tutti e quattro di …

IVREA. Zac!: “Se il Comune non ci vuole cercheremo un altro posto…!”

“Diritto di superficie, contratto di comodato in proroga. Variante al piano regolatore che non c’è. …

2 Commenti

  1. Avatar
    Fabio Bonfa’

    Buongiorno Sindaco

    Mi chiamo Fabio Bonfa’ e abito a Saluggia (VC)
    La volevo ringraziare per la Sua posizione anche se non abito nel Vostro Comune.
    Vorrei sensibilizzare anche il mio Sindaco a valutare con attenzione questa nuova tecnologia per il bene di tutti
    Se un giorno avesse tempo di scrivermi o incontrarmi , vista la Sua esperienza vorrei chiederle un aiuto per intraprendere questa strada anche nel mio piccolo Comune

    La ringrazio

  2. Avatar

    Complimenti al sindaco. Altri dovrebbero imitarlo verso un’analisi indipendente sugli effetti sanitari. Lo sviluppo delle reti wireless ha avuto uno sviluppo incontrollato ed enorme mentre il quadro normativo e di tutele non ha seguito il passo. Questo fattore va corretto al più presto in quanto non è ammissibile il corretto sviluppo dell’iniziativa privata senza una corretta mediazione pubblica. Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *