Home / Torino e Provincia / Burolo / BUROLO. A Bruxelles per difendere i piccoli comuni
Caterina Andorno ha proposto di promuovere i nostri vini nei ristoranti dello spazio espositivo di Bruxelles

BUROLO. A Bruxelles per difendere i piccoli comuni

Difendere l’identità dei piccoli comuni italiani: è l’appello portato a Bruxelles da una delegazione dell’Anpci, l’Associazione italiana che li rappresenta.

La presidente nazionale Franca Biglio, sindaco di Marsaglia (Cn), insieme ad altri sindaci è stata ricevuta oggi al Parlamento Europeo, su invito dell’eurodeputato Alberto Cirio. Della delegazione facevano parte anche i Sindaci di Burolo, Franco Cominetto e Settimo Rottaro, Massimo Ottogalli, membri del direttivo Anpci di Torino. Presente anche la presidente del Consorzio dell’Erbaluce di Caluso, Carema e Canavese, Caterina Andorno, di Albiano, e il consigliere regionale del Piemonte, Franco Graglia.

«I nostri piccoli comuni sono un patrimonio da tutelare – commenta Alberto CirioMentre in Italia qualcuno propone di chiuderli, noi portiamo la loro voce a Bruxelles, chiedendo all’Europa di aiutarci a difenderli. Nel nostro Paese ci sono 8 mila comuni e il 70% ha meno di 5mila abitanti. La Francia ne ha in tutto 36 mila e a nessuno viene in mente di eliminarli, anzi, li considerano una risorsa irrinunciabile. Attribuire il disastro dei conti pubblici italiani ai piccoli comuni è un’assurdità e pensare di accorparli fino a 20 mila abitanti, una follia.

Chiudano qualche Ministero in più a Roma e tengano vivo il principale presidio di identità dei nostri territori».

Il 93% delle Dop e dei marchi Igp italiani è prodotto nei piccoli comuni.

Quelli con meno di 5 mila abitanti sono più di 5.500 e rappresentano oltre metà del territorio nazionale.

«I piccoli comuni sono importanti – sottolinea Franca Biglio, presidente dell’Anpci – perché rappresentano un punto di riferimento essenziale per la tutela di un territorio soprattutto montano e collinare, a forte rischio idrogeologico, e per salvaguardare e promuovere le sue specificità.

Quelle agroalimentari, ma anche quelle ambientali, storiche e legate a tradizioni bellissime, che vengono mantenute grazie a noi.

Rappresentiamo un presidio al quale l’Italia dei mille campanili non può rinunciare».

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CAREMA. Un malore improvviso strappa alla vita l’ex sindaco Giovanni Aldigheri

Aveva 67 anni anni il vicesindaco Giovanni Aldigheri e nulla che facesse presagire la tragedia. …

CHIVASSO. Moretti: “Lascio per il lavoro in ospedale”. Castello ringrazia l’ormai ex assessore

Annunciato ieri, è arrivato oggi il comunicato ufficiale da Palazzo Santa Chiara, a firma dell’ufficio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *