Home / Eventi / Altri Eventi / BUROLO. A Roma il Canavese li “prende per la gola”
Franco Cominetto sindaco di Burolo

BUROLO. A Roma il Canavese li “prende per la gola”

Oggi, martedì 25 settembre, al Circolo Antico Tiro a Volo di Roma, si mangerà canavesano.

Il progetto si deve all’iniziativa di Giusy Salvati Vaccaro, conosciuta per essere stata la Mugnaia 2005, in collaborazione con il Sindaco Franco Cominetto, il Sindaco Maurizio Fiorentini, Elisabetta Piccoli – Assessore al Bilancio del Comune di Ivrea – e Caterina Andorno – Presidente del Consorzio di Tutela e Valorizzazione dei vini DOCG Caluso e DOC Carema e Canavese. L’evento prevederà un aperitivo seguito da una ricca cena, rigorosamente a base di prodotti canavesani. Tra i piatti che verranno serviti spiccano il pane nero con lardo al Genepy, il risotto all’Erbaluce, il tris di tome della Valchiusella e il cremino al Passito. Ad accompagnare, Barbera ed Erbaluce.

Per l’occasione, saranno presenti il Sindaco di Burolo Franco Cominetto e il Sindaco di Chiaverano Maurizio Fiorentini.

“Sono stato coinvolto come presidente dei piccoli comuni”, ci spiega Cominetto, “in questa occasione unica di promozione dell’enogastronomia del nostro territorio. Io stesso sarò presente alla cena e spiegherò le dinamiche della realizzazione dei prodotti”. Dopo l’intervento di Cominetto, sarà la volta di Maurizio Fiorentini che parteciperà in doppia veste, come primo cittadino e come imprenditore, in quanto a capo di Katuma, società che gestisce trentacinque produttori del Canavese e che promuove in tutta Italia le eccellenze canavesane.“Mi occuperò di parlare delle pietanze che verranno servite durante la serata”, ci spiega. “Con questa cena puntiamo a far conoscere i prodotti delle nostre terre ”.

Commenti

Blogger: Martina Gueli

Martina Gueli
Artisticamente parlando

Leggi anche

SETTIMO. L’emergenza topi è terminata in via Cavour

L’emergenza topi pare che sia terminata. In via Cavour, all’angolo con via della Repubblica, è …

SETTIMO. Sfrattano il gestore del bar ma lasciano dentro i suoi cani

Hanno sfrattato lui ma non i suoi cani. È questa la storia assurda di Massimo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *