Home / Dal resto del mondo / BRUXELLES. Europa-Regioni: Emiliano, Ue risarcisca per danni da xylella
Parlamento Europeo
Parlamento Europeo

BRUXELLES. Europa-Regioni: Emiliano, Ue risarcisca per danni da xylella

“Non c’è alternativa: o si trova un accordo per stabilire quello che l’Ue deve fare per far sopravvivere l’olivicoltura pugliese, che è il 50% di quella italiana, o saremo costretti a far valere queste vicende in giudizio”. Così il presidente della Puglia Michele Emiliano a margine dei lavori del Comitato europeo delle Regioni. “A causa della Xylella abbiamo avuto in Puglia un danno da circa 1 mld di euro, che ci è stato inflitto perché l’Ue non ha inserito le piante ornamentali, e in particolare quelle da caffè provenienti dal Sud America, nell’elenco delle specie da sottoporre a controlli. Sappiamo con certezza che l’Ue ha questa responsabilità e ci auguriamo che al più presto disponga, per le varie necessità relative alla ricerca e al reimpianto delle specie di ulivi resistenti, di uno stanziamento massiccio per i prossimi 3-5 anni che consenta di lenire questo danno subito.
Altrimenti non avremo alternativa che avviare in sede giudiziaria una causa di risarcimento nei confronti dell’Ue”. Emiliano ha spiegato di non aver in programma alcun incontro con rappresentanti della Commissione europea durante i due giorni della sua missione a Bruxelles. “L’Italia viene rappresentata presso le istituzioni Ue sui temi che riguardano la Xylella direttamente dal ministro dell’Agricoltura, come è sempre avvenuto. Noi non abbiamo mai avuto un contatto diretto”, ha precisato il governatore.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

PARIGI. Notre-Dame come la Cappella della Sindone, rinascerà dalle ceneri

Ricominciare è possibile, anche quando il monumento simbolo della propria città viene divorato dalle fiamme …

F35

WASHINGTON. Usa, impegno saldo Italia su F35 occasione di sviluppo

“Mentre altri Paesi europei valutano l’acquisto degli F35, la salda dimostrazione dell’ impegno italiano al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *