Home / Torino e Provincia / Brusasco / BRUSASCO. La banda “La Fenice” festeggia Santa Cecilia

BRUSASCO. La banda “La Fenice” festeggia Santa Cecilia

Il forte maltempo di questo fine settimana non ha fermato i festeggiamenti per Santa Cecilia organizzati dalla banda musicale “La Fenice” di Brusasco.

Il sodalizio musicale brusaschese, forte dei suoi 126 anni di vita (fu fondato nel 1893 da Favorino Cravino ed accorpato, nel 1928, a quello di Marcorengo), ha dimostrato ancora una volta tutta la sua solidità, riunito attorno al suo maestro Angelo Gavassa, recentemente nominato Cavaliere al merito della Repubblica.

Il concerto di sabato sera, cui ha assistito un pubblico molto numeroso ed attento, ha sancito, alla direzione, quello che è ormai un trio consolidato: ad Angelo Gavassa si sono infatti affiancati Mariangela Pillone e Davide Riva nella direzione di brani ritmici ed incalzanti, che hanno incontrato il favore degli spettatori. All’inizio del secondo tempo si sono esibiti, in due brevi brani, gli allievi che da circa un anno si stanno preparando con teoria e strumento a fare il loro ingresso in banda: Anna Bosso, Davide Cavalitto, Vanessa Savani, Alessandro Liberalon, Luca Bosso ed Aurora Irico sono stati incoraggiati a proseguire la loro preparazione, in modo da dare continuità e nuovo “fiato” agli strumenti della banda.

La mattinata si è aperta con l’onore ai Caduti ed alla lapide dei fondatori, seguita dalla Santa Messa in Parrocchia. Ottimo il pranzo, durante il quale sono intervenuti l’onorevole Carlo Giacometto e il Sindaco Luciana Trombadore, che ha consegnato ad Angelo Gavassa le medaglie per il cavalierato. La lettura dei saluti del Presidente Gianni Arietti, assente perché convalescente, ha preceduto la consegna di due targhe: una a Silvana Cravino, per i suoi dieci anni nella carica di Madrina della bandiera e a Cristina Maria Chiesa, moglie del compianto presidente Renato Ferrero, con l’incarico di Madrina della Banda Musicale.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CORONAVIRUS

CRESCENTINO. Impennata di contagi: da domani è zona rossa

E’ stata la crescita repentina di contagi nell’ultima settimana, 71 a fronte di un totale …

capasso ciriè

CIRIÈ. Il Pd voleva fare la rivoluzione, ma poi se ne sono dimenticati

Sembravano fuochi d’artificio ma erano petardini. Petardini che hanno fatto fetecchia. A fine gennaio pareva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *