Home / Torino e Provincia / Brozolo / BROZOLO. La Regione riporta il treno. Riapre la linea fino a Brozolo?

BROZOLO. La Regione riporta il treno. Riapre la linea fino a Brozolo?

Buone notizie per la linea ferroviaria Chivasso-Asti. O, almeno, si spera. Sindaci e Regione Piemonte si sono dichiarati favorevoli alla riapertura della linea. Sulla tratta Brozolo-Chivasso, inoltre, la Regione ha già chiesto a Rfi di ripristinate la linea, dando mandato all’Agenzia della Mobilità Piemontese di richiedere le tracce per riprendere l’esercizio a partire dal cambio orario di giugno 2019.

Da Brozolo ad Asti – spiega l’assessore regionale ai Trasporti, Francesco Baloccosono necessari investimenti più significativi. Chiederemo a Rfi di progettare l’intervento, certificandone i costi, anche considerando l’eventuale elettrificazione che consentirebbe di collegare la tratta direttamente al nodo di Torino”.

La Regione ha anche proposto, nel corso di un incontro che si è svolto a Cocconato d’Asti, un tavolo di lavoro che coinvolga tutti i sindaci della ferrovia e che porti alla sottoscrizione di un protocollo di intesa per la riapertura della linea sospesa nel 2012.

Intanto, però, la politica sul punto non si risparmia. La scorsa settimana abbiamo ospitato un intervento del deputato Carlo Giacometto (FI) che, in un passaggio, stigmatizzava il comportamento della Città Metropolitana accusandola di “brillare per assenza” sulla questione del collegamento ferroviario Chivasso-Asti, quando invece dovrebbe “reperire risorse nel proprio bilancio per contribuire al raggiungimento della sostenibilità economica della (ri)messa in esercizio della linea nel tratto torinese”.

Oggi è giunta la replica del vice sindaco metropolitano Marco Marocco (M5S):  Ricordo all’onorevole Giacometto, ma lui dovrebbe saperlo molto bene, che la Città metropolitana non ha competenze sul trasporto ferroviario. In ogni caso, il mio Ente contribuisce già, e non poco, al funzionamento del trasporto pubblico locale versando ogni anno all’Agenzia Regionale per la Mobilità un milione e 800mila euro di fondi propri. Contributo che in futuro è nostra intenzione aumentare, se le condizioni del bilancio ce lo consentiranno”.

La nostra attenzione su quella porzione di territorio – conclude – è sempre stata viva, lo testimonia, tra le altre cose, uno studio che l’allora Provincia di Torino aveva realizzato e trasmesso alla Regione Piemonte, finalizzato a rendere un miglior servizio proprio utilizzando la Chivasso-Brozolo-Asti”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

IVREA. E adesso parla Cimadom: “Manital non è in perdita!” (intervista)

C’è un’azienda. Si chiama Manital. Ha i bilanci in ordine ma non riesce a pagare …

CHIVASSO. Luca Garritano, artigiano orafo a cavallo fra tradizione e innovazione

Nell’era della tecnologia e del virtuale, dove si sta sempre più perdendo il contatto con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *