Home / Torino e Provincia / Brandizzo / BRANDIZZO. “Troppe febbri” e il sindaco emana altre restrizioni
Paolo Bodoni

BRANDIZZO. “Troppe febbri” e il sindaco emana altre restrizioni

E’ allarmato il sindaco di Brandizzo Paolo Bodoni. Lo è da medico e da primo cittadino.
“Qui in paese i numeri continuano ad aumentare. Ci sono troppe febbri e si fanno pochi tamponi. Anche là dove sono richiesti dai medici”.

Queste le motivazioni che hanno spinto Bodoni ad emanare una nuova ordinanza restrittiva.

Ecco le novità introdotte

Per motivi di prevenzione e cura della salute pubblica dal 3 aprile 2020 al giorno 13 aprile 2020 incluso, dispongo:
a) la chiusura al pubblico di tutte le aree verdi, parchi di proprietà pubblica e divieto di uso delle piastre sportive polivalenti, delle attrezzature ludiche e di fitness, delle aree gioco e bagni pubblici su tutto il territorio comunale;
b) la chiusura al pubblico della sala d’attesa della stazione ferroviaria;
c) che l’ingresso al Cimitero Comunale sia riservato esclusivamente alle operazioni di sepoltura, nonché ai parenti prossimi dei defunti (madre, padre, figli, fratelli, sorelle) nella sola settimana successiva alla sepoltura.

Inoltre, a malincuore, ho ritenuto opportuno sopprimere ancora i mercati a Brandizzo, sino al 13 aprile.

Queste mie decisioni, che paiono dure e tanto severe, sono state dettate soprattutto dai numeri della pandemia che a Brandizzo stanno comunque aumentando, e rimango molto preoccupato.
Gli scienziati ci dicono tante date diverse di queso picco……intanto nel nostro territorio i casi di febbre aumentano, non si fanno i tamponi alle persone anche se segnalate dal medico curante, e i pochi tamponi fatti spesso risultano positivi.

A me preme salvaguardare la salute pubblica, a me preme che il prima possibile si possa tornare alla normalità……per fare tutto ciò, dobbiamo sacificarci, adesso, tutti.
STIAMO A CASA e facciamo tutti in modo che questa pandemia termini il prima possibile.

Commenti

Blogger: Maria Di Poppa

Maria Di Poppa
Letteralmente

Leggi anche

avetta

IVREA. Trasporti, Avetta: “Esiste un caso Canavese?”

Il Consigliere regionale Alberto AVETTA (PD): “Si attivi un tavolo di confronto in Regione che …

CHIVASSO. Le partite iva vogliono essere ascoltate

Le partite iva vogliono essere ascoltate. Nuova settimana, nuove interviste: Alfredo di Marco e Ivan …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *