Home / Torino e Provincia / Brandizzo / BRANDIZZO. Da più di un anno, una favela “E nessuno ha fatto nulla!”

BRANDIZZO. Da più di un anno, una favela “E nessuno ha fatto nulla!”

Da più di un anno una vera e propria favela si è insediata ai margini nel paese. Si trova alle spalle dell’iper tecnologico polo Decathlon.

Una baraccopoli già segnalata nel novembre 2016 dal consigliere Giuseppe Deluca. Segnalazioni al Comune e alla Forestale che, fino ad oggi non hanno portato a nulla.

Ed è per questo motivo che a distanza di un anno esatto dalle segnalazioni presentate, il consigliere di Alternativa Civica, Giuseppe Deluca, è tornato alla carica. Lo ha fatto giovedì mattina chiamando i carabinieri. “Mi han detto che mi avrebbero mandato il giorno dopo una pattuglia della Forestale” e così è stato.

Venerdì mattina, in quell’angolo di paese dimenticato da tutti, la Forestale ha compiuto un sopralluogo. Era presente anche Deluca che sbotta: “Rispetto ad un anno fa, non è cambiato nulla: tutto quel che c’era è ancora lì, nessuno ha mosso un dito. In più si è accumulato altro materiale, altre tracce di una vita vissuta tra rovi e sterpaglie. Questa è una vera e propria favela!”.

Il comandante della Polizia Municipale di Brandizzo, Massimiliano Pirrazzo, dichiara di essere a conoscenza della situazione: “C’è un’attività investigativa in corso – spiega – non è assolutamente vero che alle segnalazioni tutto è rimasto fermo”.

Intanto Deluca, che venerdì scorso ha inviato in Comune una nuova segnalazione urgente, trasuda indignazione: “Ho effettuato un sopralluogo in data 16 novembre 2017 nella zona interessata, al fondo di viale Italia, nelle immediate vicinanze del polo logistico Decathlon di Brandizzo. Durante il sopralluogo in un’ampia area, estesa per qualche migliaio di metri quadri si è constatata la presenza di un accampamento di persone, abbandonato, e di una estesa discarica abusiva che permane da un anno: tale superficie, risulta ricoperta da ogni tipo di rifiuto, compresi contenitori di rifiuti tossici e

pericolosi.

L’area in questione sul territorio comunale sembrerebbe, dopo la segnalazione del novembre 2016, essere stata nuovamente frequentata e dagli oggetti presenti, abbandonati al suolo risulta chiara la presenza di minori e di bambini.

Il terreno in questione è privato, ma l’area risulta nella fascia protetta del Parco del Po ed è necessaria una bonifica per ripristinare lo stato dei luoghi ed evitare nuovi insediamenti.

Con una segnalazione urgente del 16 novembre 2016, già l’anno scorso, avevamo portato a conoscenza della situazione il primo cittadino di Brandizzo , Roberto Buscaglia, e il comandante della Polizia Municipale, Pirrazzo; a seguito di risposta scritta e di colloquio con il comandante, ci era stato riferito di indagini in corso in merito alla situazione ma, dal sopralluogo effettuato nel 2016 all’ultimo effettuato nel novembre 2017, l’area risulta nel medesimo stato anzi con una evidente maggiore presenza di rifiuti.

Siamo rimasti stupiti per il fatto che la grande area di accampamento e di rifiuti in tutto questo periodo non fosse stata transennata o comunque posta sotto sequestro, visto che vi è la presenza di contenitori di sostanze tossiche e pericolose e di batterie di auto abbandonate.

In questi giorni, affinché possano disporre ulteriori opportuni accertamenti del caso, abbiamo presentato

una segnalazione anche ai Carabinieri della Forestale di Chivasso che sono prontamente intervenuti per un sopralluogo, e di questo li ringraziamo.

L’attenzione all’ambiente ed al territorio per un’amministrazione deve essere prioritaria, i cittadini si aspettavano che i rifiuti venissero rimossi dal Comune, così come prescrive la legge, per evitare nuovi accampamenti e discariche che puntualmente si sono riproposti, invece è tutto lì da un anno.

In quale modo l’amministrazione comunale ha intenzione di tutelare l’ambiente ed il territorio e soprattutto con quali azioni concrete e in che tempistiche?

Commenti

Blogger: Maria Di Poppa

Maria Di Poppa
Letteralmente

Leggi anche

IVREA. Ciao “Terribile”

Ci sono momenti in cui non vorresti dire nulla, fingere che non sia successo, e …

LEINI. Cantieri di lavoro, quattro posti per gli over 58 anni

Fino al 20 marzo a Leini sarà possibile presentare le domande per la partecipazione ai …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *