Home / BLOG / BRANDIZZO. Perché aprire un parco giochi così?

BRANDIZZO. Perché aprire un parco giochi così?

Mamme in rivolta, a Brandizzo, per il nuovo parco giochi di via Impastato. Aperto ai cittadini pochi giorni fa nonostante l’inaugurazione ufficiale sia prevista verso i primi di ottobre, il giardino ha già suscitato forti critiche da parte dei genitori che lo hanno “sperimentato”.
A loro detta, il problema principale è quello della sicurezza. Situato al fondo di via San Gervasio, via Melano e via Della Resistenza, il parco, infatti, non ha un cancello d’ingresso che lo delimiti né che lo separi dal parcheggio e dalla strada. Il rischio, per un bambino che corre liberamente, è quello di trovarsi in un secondo di fronte ad una macchina in movimento ed essere investito. Se poi la visuale viene ostacolata dalle piante non potate, la percentuale che questo accada di certo aumenta. Passando oltre, si può notare come, non meno pericolosi, siano i grossi sassi che ricoprono il pavimento – nel parco di via Impastato si trovano ovunque sia davanti che sotto i giochi che, tranne lo scivolo, sono tutti privi di pavimento in gomma -, che rendono difficile lo spostamento delle mamme con i passeggini e che possono causare dolorose cadute. Ad aggiungersi all’elenco, i tombini aperti o rattoppati alla bell’è meglio da mattoni messi in verticale e la porta dell’area cani aperta e, quindi, accessibile a tutti. Parlando ancora di sicurezza, mamme, nonni e papà hanno anche evidenziato l’eccessiva vicinanza alla linea ferroviaria dell’Alta Velocità. Anche qui – erba a parte – nessuna rete, cancello o muro separa altalene e scivoli dai cavi della ferrovia, facilmente raggiungibili se ci si allontana solo di qualche metro. Ma non è tutto. A rendere l’area ancora poco agibile sono anche la mancanza di alcuni complementi d’arredo urbano, come panchine e fontane, e degli alberi, utili per creare un po’ di ombra. Via Impastato è infatti costantemente battuta dal sole. A completare l’opera, la casetta dei servizi igienici che, al momento in fase di costruzione, non è ancora agibile…

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

BORGARO. Ponchione vince “I Protagonisti”

Il libro “Una vita controsenso”, scritto dal borgarese Giuseppe Ponchione, noto amministratore comunale – “in …

SCIOLZE. Cagno: “Opposizione troppo accomodante: mi dimetto!”

Dopo più di un anno dal primo insediamento nel nuovo consiglio comunale, la consigliera di minoranza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *