Home / Torino e Provincia / Brandizzo / BRANDIZZO. Morto per soffocamento il comandante Massimiliano Pirrazzo

BRANDIZZO. Morto per soffocamento il comandante Massimiliano Pirrazzo

E’ morto Massimiliano Pirrazzo, 50 anni, comandante della polizia municipale. La tragedia è avvenuta ieri sera, domenica 14 ottobre, in una pizzeria a Druento dove si trovava a cena con amici. All’improvviso Massimiliano Pirrazzo si è alzato da tavola per recarsi ai servizi igienici e, non vedendolo ritornare, alcuni amici l’hanno trovato in fin di vita. Inutili i soccorsi. Massimiliano Pirrazzo è morto per “intasamento da bolo alimentare”, così è scritto nel referto compilato dal medico legale dell’Asl To3. Solo in tarda sera il corpo è stato composto presso la medicina legale dell’ospedale di Venaria Reale a disposizione della Procura di Ivrea, che nelle prossime ore affiderà ad un medico l’esame autoptico.

Massimiliano Pirrazzo era residente a Rivoli e fino allo scorso novembre era stato assessore ad Alpignano nella giunta guidata da Andrea Oliva. Si era dimesso dall’incarico per incompatibilità con la sua carica da comandante dei vigili urbani a Brandizzo.

Nel novembre 2017 Massimiliano Pirrazzo era finito al centro di un’inchiesta giudiziaria. La Corte d’Appello di Torino lo aveva condannato a due anni con la condizionale perchè nel 2010 aveva falsificato il cartellino degli orari di lavoro e un ordine di servizio per aiutare il suo vice Claudio Gaeta. La falsificazione era servita come alibi a Gaeta, perchè nel 2007 era stato denunciato dall’ex fidanzata per aggressione e minacce.

Condanna che aveva costretto l’amministrazione comunale di Brandizzo a rimuoverlo dall’incarico di comandante. Dal 25 luglio scorso era stato reintegrato con il ruolo di comandante.

Questa mattina l’amministrazione comunale di Brandizzo ha proclamato il lutto cittadino fino alla data dei funerali.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CALUSO. Segre: Caluso dice no alla cittadinanza onoraria, non è priorità

Niente cittadinanza onoraria per Liliana Segre: l’amministrazione comunale di Caluso (Torino) ha risposto picche alla …

CASALBORGONE. Cavallero duro: “Baggio ha bisogno di andare a ripetizione dai bambini”

Riceviamo e pubblichiamo. Abbiamo letto con stupore e meraviglia il comunicato stampa del Gruppo “Prima …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *