Home / Torino e Provincia / Brandizzo / BRANDIZZO. Alla materna Montessori si soffoca

BRANDIZZO. Alla materna Montessori si soffoca

Non si sa più se l’emergenza alla Montessori sia il caldo o l’umidità degli ambienti. Fatto sta che i genitori sono nuovamente sul piede di gerra.

Dopo le temperature tropicali registrate nel mese di giugno, ora il vero problema è l’umidità.

Nei giorni scorsi un genitore è arrivato a lanciare l’idea di una colletta per acquistare un deumidificatore: “Per la salute dei bambini questo e altro” ha precisato su Facebook.

Ma in Comune gli uffici si stanno già muovendo per cercare una soluzione ai mille problemi di quest’edificio.

Si sta valutando se sia meglio acquistare un deumidificatore o 4 ventilatori.

Giuseppe Deluca, capogruppo di Alternativa Civica, interviene: “La salute dei bambini deve essere prioritaria. Alternativa Civica lo scorso 31 maggio, a seguito di segnalazioni di genitori, ha effettuato un sopralluogo nei locali della scuola dell’infanzia Montessori per verificare le elevate temperature segnalate: all’interno dell’edificio scolastico infatti nonostante i ventilatori e le finestre aperte si registravano in presenza dei bambini temperature intorno ai 34° con punte di 36°. Avevamo quindi richiesto all’Ufficio Tecnico soluzioni concrete da avviare in tempi brevi.

Per quanto riguarda le attuali richieste dei genitori e degli utenti della struttura in merito al dormitorio della scuola Montessori, gli uffici comunali stanno facendo un’indagine di mercato per valutare i costi in merito all’acquisto di un deumidificatore o in alternativa di n. 4 ventilatori per arieggiare l’ambiente e rendere più salubre l’aria.

I responsabili degli uffici comunali ci hanno riferito di essere maggiormente propensi all’acquisto ed installazione di 4 ventilatori, come quelli già presenti nelle aule della scuola, ma riteniamo debbano essere i genitori ad indicare la soluzione più adatta per i 75 bambini che utilizzano il dormitorio”.

Una rappresentante dei genitori spiega: “Martedì 3 abbiamo parlato dei vari problemi che purtroppo ci sono alla Montessori .

Ma quello che mi sta più a cuore è il dormitorio. Uno spazio molto ristretto per far dormire 75 bambini. In quella stanza non si respira e tantomeno non circola aria. Che loro pensino di installare delle pale fanno la cosa più sbagliata,le pale spostano solamente l’aria calda da un punto all’altro.

Per cui l’idea era di fare richiesta di un deumidificatore.

Ricordiamoci solamente che sul tetto abbiamo terra e piante , e nel dormitorio ,come nelle classi ,fa da effetto serra”.

Lo scorso anno, le famiglie avevano deciso di regalare alla scuola un albero per sopperire alla completa assenza di ombra nel grande giardino che circonda l’edificio scolastico.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

SAN MARTINO. Carabinieri in Comune per allontanare la consigliera Zilli

Carabinieri. Ambulanza. Mezzo paese affacciato all’uscio del Comune mentre dentro scoppiava una bagarre che così …

IVREA. Lettera aperta a Gillardi. C’era una volta lo “Speciale Mugnaia”

Egregio presidente dello storico carnevale di Ivrea Piero Gillardi e pc Sindaco di Ivrea Sentinella …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *