Home / Torino e Provincia / Borgaro Torinese / BORGARO. Nuovo monumento agli “Invincibili”
La nuova opera sostituisce la precedente, mai piaciuta

BORGARO. Nuovo monumento agli “Invincibili”

“T’las vinciù ‘l mund…”. ‘Hai vinto il mondo’, tradotto dal piemontese. E’ questa la frase, in granata, alla base del nuovo monumento dedicato al Grande Torino, inaugurato a Borgaro.

Nella rotonda di via Gramsci, a pochi metri dal piazzale dedicato agli Invincibili, ora compare una riproduzione della formazione tipo granata che ha vinto cinque scudetti consecutivi prima di morire nella sciagura aerea di Superga del 4 maggio 1949.

Via l’aereo nel muretto di Superga, mai apprezzata. Al suo posto, oltre alla foto di Mazzola e compagni, c’è anche una targa con i nomi di tutti coloro che quel giorno perirono: i giocatori Valerio Bacigalupo, Aldo e Dino Ballarin, Emile Bongiorni, Eusebio Castigliano, Rubens Fadini, Guglielmo Gabetto, Ruggero Grava, Giuseppe Grezar, Ezio Loik, Virgilio Maroso, Danilo Martelli, Valentino Mazzola, Romeo Menti, Piero Operto, Franco Ossola, Mario Rigamonti e Julius Schubert. I dirigenti Arnaldo Agnisetta, Ippolito Civalleri, Andrea Bonaiuti. Gli allenatori Egri Erbstein, Leslie Lievesley, Osvaldo Cortina. I giornalisti Renato Casalbore, Renato Tosatti e Luigi Cavallero. L’equipaggio, composto da Pierluigi Meroni, Celeste D’Inca, Cesare Bianciardi e Antonio Pangrazi.

Al taglio del nastro, oltre a tanti titfosi, erano presenti il sindaco Claudio Gambino, l’assessore allo Sport, Fabrizio Chiancone, il presidente del Toro Club Borgaro Granata, Ezio Sindici, il capogruppo Giuseppe Ponchione e il responsabile del settore giovanile, Massimo Bava, in rappresentanza di tutto il Torino Fc.

Durante la cerimonia è stata anche ricordata la figura di Carla Maroso, la vedova di Virgilio, scomparsa poche settimane fa e madrina del Toro Club Borgaro Granata.

A quattro anni di distanza siamo di nuovo qui ad inaugurare il monumento al Grande Torino, agli Invincibili, a coloro che hanno fatto la storia del calcio italiano – commentano gli amministratori e Sindici – Il precedente monumento non era riuscito ad accontentare tutti. Ora, invece, è un’opera che prende davvero al cuore, che fa emozionare”.

Il Sindaco Gambino ha inaugurato il nuovo monumento

Commenti

Blogger: Claudio Martinelli

Claudio Martinelli
Giornalismo "reale"

Leggi anche

PINASCA. Catturato nel bosco l’omicida in fuga

Posti di blocco, ricerche nei boschi con unità cinofile, elicottero in sorvolo sulla zona, questo …

CHIVASSO. Olivia Di Gregorio: “La ginnastica artistica è la mia vita”

“Faccio ginnastica artistica da quando ho 4 anni, da tutta la vita, in pratica” si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *