Home / Torino e Provincia / Borgaro Torinese / BORGARO. Con 180 mila euro un Municipio nuovo

BORGARO. Con 180 mila euro un Municipio nuovo

In questi giorni sono iniziati i lavori di restyling del Palazzo Comunale. I lavori, che dovrebbero durare due mesi (salvo interruzioni per motivi meteorologici) e porteranno al rifacimento di tutta la facciata esterna del Municipio, un intervento sul tetto e la sistemazione anche della parte dove è presente la sede della Protezione Civile e della Pro Loco. “Ma anche la riqualificazione di tutte quelle parti dove si richiede una leggera sistemazione perché ammalorate – spiega l’assessore Luigi Spinellie saranno sostituite le gelosie”.

Gli interventi sono stati concertati assieme alla Soprintendenza dei Beni Architettonici: “Questo perché è un Palazzo Comunale con più di 50 anni”, precisa ancora Spinelli. Nonostante il cantiere, non ci saranno disagi per la collettività, visto che sarà garantito il passaggio delle automobili ma anche l’accesso dei cittadini al Municipio.  Questo è solamente uno degli ultimi tasselli di questi cinque anni di importanti azioni nell’ambito dei Lavori Pubblici – commentano il sindaco Claudio Gambino e l’assessore Spinelliche sono spaziati dagli interventi nel cimitero a quello di nascita e restyling delle aree sportive, al rifacimento della viabilità, al rifacimento di piazzale Grande Torino, alla messa in sicurezza di via Santa Cristina e ai tanti interventi di messa in sicurezza nelle scuole cittadine”. L’importo stanziato per l’intervento sul Municipio sarà di 180 mila euro. “Con il ribasso d’asta – conclude Gambinovorremmo anche cambiare gli infissi, optando per quelli di ultima generazione, a basso impatto ambientale e che ci permetterebbero un maggiore risparmio energetico”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Imparare da Olivetti – I negozi

Sulla storia della Olivetti sono state scritte pagine e pagine di approfondimenti ed analisi. L’esperienza …

SAN BERNARDINO

Sono cosciente del fatto che, riguardo al personaggio di cui parlerò oggi, agli Eporediesi non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *