Home / BLOG / BORGARO. A 100 anni non mi fermo ancora
La festa per “Nonna Anna” nella sua casa di via Lanzo a Borgaro

BORGARO. A 100 anni non mi fermo ancora

Faccio di tutto, sa? Ma ho molto male alle gambe. Questo è il mio grave problema”. A dirlo al sindaco di Borgaro, Claudio Gambino, è la signora Anna Dellavalle. Una signora molto speciale, perché lo scorso 20 ottobre ha tagliato un traguardo altrettanto speciale, quello dei cento anni.

E sabato pomeriggio, nella sua casa di via Lanzo, è stata festeggiata dal primo cittadino, dal capogruppo Giuseppe Ponchione e dal parroco di Borgaro, don Stefano Turi, che l’hanno omaggiata di una targa, con sopra riportata la seguente frase: “Ad Anna Dellavalle per il suo centesimo compleanno, i migliori auguri e congratulazioni dalla comunità borgarese”.

Ma anche di una bellissima composizione floreale, che l’ha fatta commuovere.

Nata a Pocapaglia, in provincia di Cuneo, il 20 ottobre del 1918, “Nonna Anna” è a Borgaro dal 1997, prima di aver abitato dal 1943 a Torino, quando si è sposata con Umberto e con il quale ha avuto il suo unico figlio Pietro – conosciuto da tutti come Franco – entrambi scomparsi: il primo nel 1987, il secondo a luglio.

Prima di soffiare le candeline, assieme anche alla nuora Sabatina, alla nipote Alessandra e alla pronipote Beatrice e alle quattro generazioni della sua famiglia, si è un po’ ripercorsa la storia della sua vita, con “Nonna Anna” che ha ricordato, con una grandissima lucidità, l’aver iniziato a dare una mano in casa già a quattro anni, assieme agli altri quattro fratelli, visto che il “papà aveva una falegnameria a Sommariva Perno e il lavoro in casa era davvero tanto”, ricorda la neo centenaria. Nella sua vita, anche le esperienze in una panetteria a Lucento a 12 anni, prima di dare a lungo una mano in una famiglia che aveva un negozio e un banco alimentare di formaggi.

Ho sofferto la fame, come tutti, durante la Seconda Guerra Mondiale. Ma sono ancora qui, nonostante gli acciacchi”, racconta con un velo di malinconia, spezzato da qualche risata. Tra le sue grandi passioni, il canto e la poesia. Quest’ultima in particolare, visto che, come ricorda la nipote Alessandra, ancora oggi ha un quaderno dove scrive poesie con una bellissima calligrafia. “E’ stato un onore e un privilegio presenziare a questa particolare ricorrenza – commenta il sindaco Claudio Gambino visto che non capita tutti i giorni. Ho potuto capire, dagli occhi, dalle emozioni e dalle parole della signora Anna, cosa sia significato vivere nell’epoca della Guerra, dei sacrifici, di situazioni che oggi non possiamo né comprendere né pensare. E’ stata un’esperienza che personalmente mi ha arricchito molto”.

Commenti

Blogger: Claudio Martinelli

Claudio Martinelli
Giornalismo "reale"

Leggi anche

tampone

TRINO. Tamponi rapidi all’Rsa, 27 ospiti positivi al Covid

Il sindaco di Trino, Daniele Pane, ha comunicato gli esiti dei tamponi rapidi eseguiti in …

LANZO. Traffico di nuovo in tilt, due chilometri di coda per fare il tampone

Ancora code e disagi a Lanzo per l’esecuzione dei tamponi nell’hot-spot aperto dall’Asl To4 all’ospedale, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *