Home / Italia / BOLOGNA. Lavoro: AlmaLaurea, donne con figli più penalizzate
Donne a lavoro
Donne a lavoro

BOLOGNA. Lavoro: AlmaLaurea, donne con figli più penalizzate

Le donne sono più penalizzate sul lavoro se hanno figli: il forte divario in termini occupazionali, contrattuali e retributivi tra maschi e femmine, infatti, aumenta a parità di condizioni in presenza di figli. Lo conferma la lettura dei dati del 18/o Rapporto del consorzio interuniversitario AlmaLaurea sul ‘Profilo e condizione occupazionale dei laureati italiani’, resi noti alla vigilia della festa mamma. Sono invece le donne ad avere performance universitarie più brillanti rispetto ai loro colleghi uomini, sia in termini di regolarità negli studi che di voti, in ogni percorso di studi.

Tra i laureati del 2015 è nettamente più elevata la presenza della componente femminile, il 60%. La quota delle donne che si laureano in corso è il 48% contro il 44% degli uomini (la media nazionale è 47%) e il voto medio di laurea è pari a 103,2 su 110 per le prime e a 101,1 per i secondi (è 102,3 per la media nazionale), in ogni percorso disciplinare e a parità di ogni altra condizione (origine sociale, studi pre-universitari, ecc).

Il differenziale occupazionale, a un anno dalla laurea, raggiunge quasi 15 punti percentuali tra quanti hanno                 figli (il tasso di occupazione, considerando solo quanti non lavoravano alla laurea, è pari al 41,5% tra gli uomini, contro il 27% delle laureate), mentre scende di circa 10 punti percentuali, sempre a favore degli uomini, tra quanti non hanno prole (tasso di occupazione pari al 50,5% contro il 41%, rispettivamente). A cinque anni dalla laurea si conferma il differenziale: 28 punti percentuali tra quanti hanno figli (il tasso di occupazione è pari all’85% tra gli uomini, contro il 57% delle laureate), mentre scende fino a 9 punti, sempre a favore degli uomini, tra quanti non hanno prole (tasso di occupazione pari al 81% contro il 72%, rispettivamente). Anche nel confronto tra laureate, chi ha figli risulta penalizzata: a un anno dal titolo lavora il 41% delle laureate senza prole e il 27% di quelle con figli (un differenziale di 14 punti percentuali). A cinque anni il divario permane (15 punti percentuali): lavora il 72% delle laureate senza prole e il 57% di quelle con figli.

Le differenze di genere sono significative anche rispetto al tipo di contratto e alla retribuzione. A un lustro dal titolo il lavoro stabile è una prerogativa tutta maschile: può contare su un posto sicuro il 78% degli occupati e il 67% delle occupate.

In particolare, ha un contratto a tempo indeterminato il 48% delle donne rispetto al 58% degli uomini. Differenze legate anche alle diverse scelte professionali di uomini e donne: le seconde, infatti, tendono più frequentemente ad inserirsi nel pubblico impiego e nel mondo dell’insegnamento, in difficoltà nel garantire, almeno nel breve periodo, una rapida stabilizzazione contrattuale. Le differenze di genere si confermano anche sulle retribuzioni: tra i laureati magistrali che, a cinque anni, hanno iniziato l’attuale attività dopo la laurea e lavorano a tempo pieno, emerge che il differenziale è pari al 20% a favore dei maschi: 1.624 euro contro 1.354 euro delle colleghe. Tra i laureati con figli il differenziale sale al 32%, sempre a favore degli uomini: è pari al 19% tra quanti non hanno figli. Se è vero che questo risultato è influenzato dalle diverse scelte professionali compiute da uomini e donne è altrettanto vero che, a parità di ogni altra condizione, gli uomini guadagnano in media 168 euro netti/mese più delle donne.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Leggi anche

BOLOGNA. Affidi illeciti: il sindaco di Bibbiano querela Di Maio

Il sindaco di Bibbiano va al contrattacco. Andrea Carletti ha raccolto in una querela presentata …

PISTOIA. Maxi evasione da 30 mln, sequestrate 11 aziende carburanti

Una maxi evasione fiscale da 30 milioni di euro è stata scoperta dalla guardia di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *