Home / Torino e Provincia / Bollengo / BOLLENGO. Fausto Coppi fa tappa in Canavese
Fausto Coppi

BOLLENGO. Fausto Coppi fa tappa in Canavese

Fausto Coppi, il Campionissimo, fa tappa nel Canavese, terra di grandi passioni ciclistiche. L’appuntamento è per le ore 21 del prossimo 20 gennaio, presso la Sala Nuova Torre di via Cossavella 2 a Bollengo: l’occasione è quella di presentare l’ultimo libro di Paolo Viberti, storica firma del giornalismo e fedele innamorato del ciclismo, da qualche anno diventato mental coach. Grazie al Comune di Bollengo e al suo sindaco Luigi Ricca “sempre davanti a tirare la fila” nella diffusione del ciclismo in tutte le sue declinazioni, si parlerà di ciclismo in un territorio che ha scritto pagine indelebili dello sport della bicicletta e che ancora oggi è sede di importanti classiche, oltre ad aver ottenuto di recente l’organizzazione del campionato italiano su strada del 2017.

Alla presenza di un mito canavesano come Franco Balmamion e con la partecipazione di un altro importante canavesano l’Assessore allo Sport della Regione Piemonte, Giovanni Maria Ferraris, ecco un rivoluzionario testo su Fausto Coppi, edito con il solito entusiasmo da Bradipolibri: si tratta di un volume senza dubbio diverso da tutti quelli che sono stati scritti in quasi sessant’anni dalla morte del fuoriclasse di Castellania, un volume che sino a oggi ha riscosso un notevole successo al punto da suggerire un’immediata ristampa. 

Romanzo sportivo, analisi psicologica, giallo con finale a effetto, storia di un campione del pedale, percorso di coaching, testo fantascientifico: “L’inconscio di Coppi” è un libro unico perché racchiude in sé sei tipologie di lettura, tutte ugualmente ortodosse e avvincenti. 

L’autore mette a frutto il suo passato tridimensionale – dapprima insegnante di materie umanistiche al liceo, quindi giornalista sportivo che in 35 anni ha vissuto dal vivo eventi assoluti come nove Olimpiadi e 30 Giri d’Italia, infine mental coach – per immaginare un incontro con uno dei miti della sua carriera di cronista al seguito dei campioni del pedale: e così Fausto Coppi, proprio lui, si materializza in otto momenti cruciali della sua vita romanzesca come se fosse ancora vivo (perché i miti sono immortali…), andando a trovare l’autore a casa sua e chiedendogli di aiutarlo ad affrontare un percorso di coaching per trovare il vero obiettivo della sua vita. 

Attraverso otto sedute che ripropongono gesta sportive del campione  e inquietudini dell’uomo Coppi, il libro diventa un moltiplicatore di fruizioni, capace di rivolgersi ai tifosi di ciclismo, agli psicologi, ai lettori di romanzi, agli amanti di fantascienza e agli appassionati di gialli, con finale-thrilling a tinte forti. Un testo unico che si legge d’un fiato, dalla prima pagina all’ultima, ma anche un tributo a colui che ancora oggi è considerato il più grande campione dello sport italiano di tutti i tempi.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

adozioni

CIRIÈ. Riflessioni sull’adozione

Il Centro per la famiglia del Cis di Ciriè, in collaborazione con la fondazione Istituto …

CHIVASSO. Sapori del Mondo con il CPF Torassese

Venerdì presso la sede del CPF Torassese di via Maestra 31 si è tenuto il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *