Home / Piemonte / Biella / BIELLA. Il Comune ci ripensa, sì alla cittadinanza onoraria a Liliana Segre
LILIANA SEGRE SENATRICE DELLA REPUBBLICA

BIELLA. Il Comune ci ripensa, sì alla cittadinanza onoraria a Liliana Segre

Biella conferirà la cittadinanza onoraria a Liliana Segre. La decisione, dopo giorni di polemiche, questa sera in Consiglio comunale grazie ad una mozione bipartisan firmata, senza distinzioni, da tutti e 32 i consiglieri. “Non ho cambiato idea, avevo detto no a come era stata formulata la mozione”, spiega il sindaco, Claudio Corradino. Nessun dietro front, ma “un segnale forte”, da parte di una Città Medaglia d’Oro alla Resistenza che ha ricevuto un “attacco immeritato”. La svolta mentre davanti a Palazzo Oropa un centinaio di persone si radunava al richiamo dell’hashtag ‘#nonsiamocretini’, diventato virale sui social. Un riferimento alle parole del primo cittadino che, nel bel mezzo della polemica sollevata anche dal rifiuto dello showman biellese Ezio Greggio di ricevere un analogo riconoscimento in solidarietà alla senatrice a vita, si era dato del “cretino” per come aveva gestito la comunicazione della vicenda. “Le battaglie politiche si vincono anche così. Grazie a tutti gli italiani che hanno protestato contro il sindaco di Biella per la mancata cittadinanza onoraria a Liliana Segre, e che oggi lo hanno convinto a cambiare idea”, scrive su Twitter il presidente dei senatori Pd, Andrea Marcucci. “Avevo detto no a come era stata formulata la mozione, non alla cittadinanza onoraria a Liliana Segre, che ho sempre rispettato”, ribadisce invece Corradino, che ringrazia le liste civiche di Dino Gentile e l’ex sindaco, Marchio Cavicchioli, per avere riformulato la mozione. Il nuovo documento è stato epurato dai riferimenti alla Commissione parlamentare contro il razzismo e l’antisemitismo, che in Parlamento è passata con l’astensione della Lega. Un passaggio considerato strumentale dalla maggioranza di centrodestra. Rimosso quello non ci sono stati più problemi. “Abbiamo raggiunto una soluzione unitaria, che è quello di cui Biella ha bisogno”, sottolinea il primo cittadino, che si rammarica per essere stato “insultato sui social network da persone che vorrebbero difendere la Segre con metodi che la stessa commissione Segre condanna”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

polizia municipale

TORINO. Investito su monopattino: forse incidente causato da ladro

Non è stata una manovra dell’autista di un pullman a provocare l’incidente in cui è …

TORINO. Licenziato a 65 anni si impicca, indagine su furti

Sul suicidio dell’operaio di 65 anni che si è impiccato, nel Torinese, dopo avere ricevuto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *