Home / Dal resto del mondo / BELGRADO. Fca: Serbia, piano riorganizzazione stabilimento Kragujevac
Fiat Chrysler Automobiles
Fiat Chrysler Automobiles

BELGRADO. Fca: Serbia, piano riorganizzazione stabilimento Kragujevac

Fca Serbia ha annunciato un piano di riorganizzazione dello stabilimento di Kragujevac, dove si produce la 500L, che prevede il passaggio da tre a due turni lavorativi, unitamente a un programma di congedo volontario.

“Oggi a Kragujevac – si legge in un comunicato – si e’ tenuto un incontro tra Fca Serbia e i sindacati per esaminare l’attuale situazione sul mercato automobilistico europeo”. “Il mercato in Europa, si osserva nel documento, cresce leggermente e la 500L va bene. La domanda complessiva per la 500L e’ stabile, e si prevede che le quote resteranno agli stessi livelli nei prossimi anni, con un consolidamento della situazione e dei risultati ottenuti”. “In linea con le quote di mercato, la compagnia e’ pronta ad adattare le sue capacita’ produttive con cambiamenti strutturali nell’organizzazione di fabbrica, passando da tre a due turni”, si legge nel comunicato Fca, secondo il quale “in cooperazione con i sindacati la compagnia sta lavorando a un programma di congedo volontario da attuare immediatamente”. Ciò, si sottolinea, “allo scopo di minimizzare l’impatto sociale sui dipendenti”. Tale riorganizzazione, conclude Fca Serbia, “non avrà conseguenze sul prosieguo dell’attività economica, sui buoni risultati della compagnia, sulle quote di produzione e sulla consolidata leadership di Fca Serbia nel campo delle esportazioni”. “Fca conferma i suoi impegni in Serbia nel medio e lungo termine”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

File al fianco di “La Gente d’Italia”. Querele temerarie e minacce…

La Federazione Italiana Liberi Editori (File), a cui anche questa testata aderisce, esprime grande sdegno …

coronavirus

CORONAVIRUS. In Africa l’ospedale italiano pronto ad affrontare la pandemia

AFRICA. L’ospedale Lacor, gestito in Uganda dalla Fondazione italiana Corti, è pronto ad affrontare la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *