Home / Torino e Provincia / Banchette / BANCHETTE. Ci sono i fantasmi! La leggenda di Alexina
fantasmi
fantasmi

BANCHETTE. Ci sono i fantasmi! La leggenda di Alexina

Ci sono i fantasmi a Banchette! Così, almeno, racconta una leggenda che si è tramandata di secolo in secolo, dall’Ottocento ad oggi. Si narra di alcune entità che si sarebbero percepite all’interno del castello, ricostruito sui resti di una casaforte del XIV secolo, a sua volta edificata su altri resti dell’XI. E diverse sarebbero le segnalazioni arrivate all’Epas (European paranormal activity society), sezione operativa dell’Istituto nazionale di ricerca e studio dei fenomeni paranormali. C’è chi sostiene si tratti dell’anima di un uomo, che avrebbe ucciso un presunto rivale, un cavaliere, per gelosia.

Secondo la leggenda oggetto della contesta fu una giovane, sua promessa sposa, di nome Alexina, che pare abbia abitato nel Castello con i suoi genitori intorno alla metà del XV secolo, e che rifiutò il matrimonio, scegliendo invece di ritirarsi in un convento, sentendosi la causa involontaria di quella tragedia. L’anima dell’uomo continuerebbe ad aggirarsi per l’edificio, senza riuscire a darsi pace. E chi sostiene d’aver visto il fantasma del cavaliere ucciso, lo dipinge come alto e slanciato, con una pesante camicia da notte indosso, ed una larga rossa macchia di sangue sul petto.

Poche settimane fa, un team di ricercatori è arrivato nel paese alle porte di Ivrea. Per una notte intera ha monitorato, utilizzando sofisticati strumenti (telecamere fisse ad infrarossi, videocamere digitali normali e con visione notturna, misuratore di campi elettromagnetici visivi e a lettura digitale, strumentazioni per rilievi Evp), le sale e lo scantinato del Castello, oggi di proprietà della famiglia Quaglia. Hanno setacciato ogni centimetro, alla ricerca di dati, sulla base di un testo degli anni ’70, relativo a fenomeni paranormali.

Il proprietario Giuseppe Quaglia ha aperto le porte ai ricercati. Di notte perché, secondo gli esperti, in quelle ore si possono evitare condizionamenti ambientali. Tutto il materiale raccolto, tra video, fotografie e registrazioni, sarà analizzato e i risultati saranno comunicati ai proprietari.

 

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

NICHELINO. Pirata della strada nel Torinese, si cerca una Volkswagen

Era alla guida di una Volkswagen il pirata della strada che la notte scorsa, nel …

SESTRIERE. Sci: ancora un podio azzurro, Bassino terza

Giornata francese in coppa del mondo con la sconosciuta transalpina Clara Direz che – 22 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *